Cucciolo di cane, come lavarlo senza fargli del male

cagnolino fare il bagno

Abbiamo appena preso un piccolo amico a 4 zampe e non sappiamo nulla di lui? Ad esempio: cucciolo di cane, come lavarlo? Ecco di seguito qualche consiglio su come fargli un bel bagno senza paura o dolore.

Quando si può fare il primo bagnetto al nostro cagnolino?

Cucciolo di cane, come lavarlo senza fargli del male

Quando prendiamo un cucciolo in casa, dobbiamo considerare un sacco di cose. Bisogna sapere che ogni piccolo animaletto che decidiamo di prendere con noi ha molto bisogno di tantissime attenzioni.

Noi dobbiamo partire dal presupposto che lui diventerà perfettamente un membro della famiglia: come tale, dunque, noi dovremo prenderci cura di lui sotto ogni punto di vista.

Soprattutto se si tratta del nostro primo cagnolino, è importante tenere in considerazione alcune cose di primaria importanza per capire come sia possibile gestire la situazione al meglio delle nostre capacità. Lo scopo è sempre quello di rendere la sua vita il più possibile migliore e di farlo vivere in un ambiente consono e agiato.

In questo articolo vorremmo preoccuparci di capire quando possiamo fare il primo bagnetto al nostro piccolo amico. In cosa consiste? Come si fa? Quando è meglio farlo? Insomma, come lavare un cucciolo di cane?

Partiamo dall’inizio: quando è possibile fare il primo bagnetto all’amico a 4 zampe? Sicuramente, dobbiamo assicurarci che il cagnolino abbia già fatto tutti i vaccini necessari. Poi, dovremmo aspettare un po’ di tempo prima di immergerlo nell’acqua e decidere di portarlo dal toelettatore.

Oltre ai vaccini standard, saranno necessari anche i richiami: una volta fatti anche questi, noi possiamo essere abbastanza sicuri che il piccolo abbia sviluppato tutti gli anticorpi giusti. Questo è un modo per consentire all’organismo di vivere al meglio, facendo sì che tutte le cose siano al loro posto.

Essendo poi, da piccolissimo, molto delicato, è fondamentale far attivare preventivamente le sue difese immunitarie che lo proteggeranno da eventuali problemi provenienti dall’esterno.

Perché dopo avergli fatto le vaccinazioni (o i richiami che siano) è necessario aspettare un po’ di tempo prima di fargli il bagno? Il punto, in realtà, riguarda un fattore molto semplice.

Immergerlo nell’acqua troppo presto potrebbe finire per annullare completamente l’effetto del farmaco iniettato e dunque rendere vani tutti gli sforzi fatti fino a quel momento.

Questo significa che il piccolo non sarebbe più completamente protetto da tutto quello che il mondo esterno a lui propone. I centri di toelettatura, infatti, sono tenuti ad informarsi riguardo tutto ciò che può essere utile per capire quando sia meglio fare il primo bagnetto al cucciolo.

Solitamente si chiede di aspettare 7-10 giorni prima di bagnare il piccolo amico, per dare il tempo al vaccino di agire in modo sicuro.

Il primo bagno è consigliabile farlo in qualche centro specializzato. Se poi noi volessimo imparare a lavare il cucciolo in perfetta autonomia, possiamo comprare shampoo, balsamo o quello che serve per fare tutto direttamente da casa.

Assicuriamoci che tutto il necessario per il bagno sia adatto per la specie di animale che abbiamo di fronte: non facciamo di testa nostra né cerchiamo di inventarci chissà quali prodotti particolari! Anzi, andiamo sempre alla ricerca di una qualità che possa dare il risultato migliore e soprattutto che non danneggi l’animale.

Prima di tutto questo, ovviamente, dobbiamo anche capire come si deve procedere per fare il bagno al nostro amico e farci consigliare anche quali siano i prodotti migliori da utilizzare. Poi, non sarà difficile agire in modo indipendente.

Se vogliamo altre informazioni su cosa possiamo utilizzare, possiamo vedere ai link alcune curiosità sullo shampoo per cani al bicarbonato o sui cani e lo shampoo umano.

Che siamo noi a lavare il nostro amico o che siano i toelettatori a provvedere, dobbiamo stare certi di alcuni fattori. Ad esempio, si deve tener presente che i cani possono essere lavati sia d’estate che d’inverno, indistintamente e senza alcuna riserva.

Dopo il primo bagnetto (ricordiamo a distanza di circa 7-10 giorni rispetto all’ultimo richiamo dei vaccini) il nostro amico potrà essere lavato circa una volta al mese.

In caso di necessità, però, all’occorrenza o per qualche esigenza particolare, possiamo concordare con un esperto quali siano i momenti migliori per immergerlo nell’acqua.

Cucciolo di cane: come lavarlo?

Cucciolo di cane, come lavarlo senza fargli del male

Cucciolo di cane come lavarlo? Partiamo dal presupposto che un cagnolino, di solito, anche se molto piccolo, non è mai troppo disponibile a fare il bagno. Sicuramente, se lo abituiamo subito ad essere immerso nell’acqua, fin da quando è ancora cucciolo, potremmo aiutarlo a non traumatizzarsi. La cosa deve essere graduale, fatta passo dopo passo, senza forzature.

Prendere confidenza con l’acqua deve essere un piacere e non un terrore: con pazienza e tranquillità, dobbiamo essere bravi a far capire al cucciolo che non è niente di preoccupante.

Cucciolo di cane, come lavarlo? Vediamo adesso quali sono i passaggi per lavare il nostro piccolo amico. Come già detto, prima di fargli il primo bagnetto, è necessario aspettare qualche giorno dopo l’ultimo richiamo dei vaccini. Nel frattempo, è importante che il piccolo animaletto inizi a conoscere l’ambiente in cui vive e noi padroncini.

Abituarsi alla nuova casa e ai suoi nuovi amici umani è un passaggio fondamentale per farlo sentire sicuro e protetto. Quando capirà che può fidarsi di noi, che non siamo una minaccia e che, anzi, siamo pronti ad accoglierlo nella famiglia, potremmo iniziare anche a fargli prendere confidenza con tutte le cose necessarie alla vita, come il bagnetto.

Se il piccolo si sente rilassato e a suo agio nell’ambiente di casa, si potrà procedere ad immergerlo nell’acqua, rigorosamente tiepida. A volte, per il primo bagno ci si rivolge a qualche centro apposito, mentre in altri casi si vuole fare tutto in autonomia.

Come lavare un cucciolo di cane da casa senza spaventarlo? Dobbiamo essere bravi a fargli capire che l’acqua potrebbe anche diventare un gioco ed essere qualcosa con cui divertirsi.

Cosa bisogna fare? Questi consigli possono essere adottati soprattutto con cani di piccola taglia. Prendere una bacinella o un contenitore abbastanza grande dove poter immergere il piccolo e riempirlo con acqua tiepida. Mettere le zampe a mollo e fare in modo che l’acqua arrivi più o meno a metà del suo corpo.

Bisogna partire dalle zampe: piano piano si dovranno bagnare e sciacquare, insaponando con prodotti appositi per cani. In secondo luogo, si passerà al resto del corpo. Bagnare delicatamente tutto il cagnolino, facendogli sempre tante coccole e tranquillizzandolo. Un elemento che può farlo sentire più a suo agio può essere quello di inserire nella bacinella dei giochini con cui lui ha piena confidenza. Questo potrebbe aiutarlo a sentirsi meno “in pericolo”.

Come sciacquare il suo corpo? Insaponare il suo corpo è la prima cosa; poi, con tutta la delicatezza del caso, massaggiare il suo tronco per spargere per bene il sapone in ogni parte. Ricordiamoci di evitare gli occhi o le orecchie: qua non deve entrare né sapone né acqua (o almeno, non troppa: solo quanto basta per un risciacquo veloce).

Una volta insaponato per bene con shampoo e balsamo (se serve), lavarlo per bene con l’acqua fino a togliere tutto il sapone. Una volta finito, coprirlo subito con un panno asciutto per evitare che prende freddo, soprattutto se la temperatura esterna è ancora fredda/fresca.

Una spazzolata veloce potrà togliere il pelo in eccesso e fare in modo che il cucciolo abbia tutto il pelo bello pulito e in ordine. Se il pelo del piccolo fosse lungo, sarà più impegnativo pettinarlo per bene e provvedere a sciogliere tutti i nodi che si creano nel corso delle giornate: ci vuole tante pazienza e costanza!

Sicuramente un consiglio utile potrebbe essere quello di spazzolarlo quotidianamente, al fine di evitare che troppi nodi si accumulino e diventino impossibili da sciogliere. Anche questo fa parte delle cure che dobbiamo assolutamente donare al nostro nuovo componente della famiglia.

Poi, con il phon per capelli si dovrà asciugare perfettamente tutto il corpo del piccolo animale, soprattutto sulle orecchie e sulla testina.

Notare bene: il phon non deve essere mai impostato al massimo né della potenza né del calore, anzi! Deve essere acceso a debita distanza dal cucciolo, altrimenti rischiamo di scottarlo e di fargli del male.

Cucciolo di cane come lavarlo? Fare il bagnetto ad un cucciolo di cane non è mai una cosa semplice, non per la pratica in sé, ma perché lui non è mai molto disponibile ad essere spupazzato fra acqua e phon. Anzi, molte volte, soprattutto i cuccioli, hanno paura dell’acqua e, ancora di più, del rumore del phon.

Per questo, come già accennato, sarebbe importante farlo tranquillizzare con coccole, baci e carezze e fargli prendere confidenza con questi processi fin da quando è molto piccolo.

Sicuramente la nostra presenza vicino a lui non farà altro che migliorare la situazione e far sentire il nostro piccolo amico a 4 zampe più sicuro e protetto.

Se già abbiamo instaurato un bel rapporto di fiducia e amore con lui, nonostante il poco tempo passato insieme, lui si sentirà protetto e al sicuro ogni qualvolta che noi saremo con lui.

Così facendo, dunque, potrà affrontare tutto con meno paura, nonostante qualche fastidio. La nostra presenza lo aiuterà in ogni momento di difficoltà.

Come conquistare la fiducia del cane? Vediamo al link qualche consiglio utile su come fargli prendere confidenza con noi.