Esame della fertilità del cane maschio: cos’è e come funziona

Volete sapere se diventerete presto dei nonni canini? Ecco tutto ciò che c’è da sapere sull’esame della fertilità del cane maschio

Esame della fertilità del cane

L’esame della fertilità del cane maschio consiste in un esame completo di solidità riproduttiva che comprende la storia clinica del cucciolo, un esame fisico, una valutazione dello sperma e tua est per Brucella canis.

Se la storia del nostro animale domestico suggerisce una possibilità infertilità, bisogna verificare che ci sia stata un’adeguata gestione della riproduzione e che le femmine sono fertili.

Esame della fertilità del cane maschio: cos'è e come funziona

Prima di fare l’esame della fertilità del cane

Se volete diventare dei nonni canini, ma nonostante la riproduzione del vostro cucciolo la fammina del cane non è rimasta incinta, prima di portare il vostro amico a quattro zampe dal veterinario dovreste valutare alcuni elementi. L’infertilità nel cane maschio infatti è piuttosto rara, per questo è opportuno prima fare un quadro preciso e dettagliato della storia clinica di entrambi gli animali protagonisti della riproduzione.

Esame della fertilità del cane maschio: cos'è e come funziona

Se ad esempio il cane maschio o la femmina hanno avuto delle malattie al momento della riproduzione queste possono aver determinato l’infertilità. Se invece è stato appurato che i cani sono sani è opportuno procedere con l’esame della fertilità del cane maschio.

L’esame fisico

In caso si sospetti di infertilità del cane maschio dovrebbe essere eseguito un primo controllo fisico generale per procedere poi con l’esame della fertilità del cane maschio. I cani con anomalie come gravi patologie articolari potrebbero non essere in grado di avere rapporti con le femmine.

Esame della fertilità del cane maschio: cos'è e come funziona

Anche altre patologie come l’iperadrenocorticismo o l’ipotiroidismo possono ridurre la fertilità. Queste sono spesso riconosciute attraverso alopecia nel cane, perdita di pelo o anomalie nel peso.

Diagnosi

Oltre l’esame fisico e la palpazione del pene e dello scroto, alcuni veterinari decidono di procedere anche con un’ecografia, diventata strumento aggiuntivo già utilizzato per la valutazione della prostata nei cani. Inoltre il veterinario specialista provvederà alla raccolta dello sperma per analizzarlo, che viene eseguita solitamente su una buona base (ad esempio, un tappeto) piuttosto che su una superficie o un tavolo scivoloso

Questi ulteriori esami consentendo misurazioni accurate e valutazione dell’ecotote della ghiandola per l’identificazione di potenziali patologie. In alcuni casi viene anche effettuata una biopsia per analizzare anche i tessuti.

Cosa fare se il cane non è fertile

I genitori dei cani in cui la sterilità nel cane maschio è evidente solitamente hanno due scelte davanti a loro. O la castrazione, oppure una terapia con la somministrazione di inibitori della 5α-reduttasi, che impediscono la conversione del testosteroneal diidrotestosterone.

Il trattamento è importante perché i cani affetti sono predisposti allo sviluppo della prostatite.