I cani possono mangiare i calamari?

I cani possono mangiare i calamari o è meglio scegliere altri alimenti? Scopriamo insieme questi molluschi e che effetto possono avere su Fido

dalmata con il muso appoggiato al tavolo

I cani possono mangiare i calamari? Sì e no, o meglio dipende da come sono cotti. Il calamaro è un tipo di mollusco buono e salutare che in generale non fa male ai quattrozampe. Naturalmente a patto che non sia fritto, come piace a noi bipedi. Al vapore o grigliato può essere per Fido una buona fonte di proteine ed è anche povero di grassi, quindi perfetto anche per i cani a dieta.

Ma come sempre c’è da fare qualche precisazione. Il fatto che i cani possono mangiare i calamari non vuol dire che da oggi dobbiamo mettergli solo questi nella ciotola. L’alimentazione di Fido deve essere sana ma anche equilibrata, senza dimenticare che la fonte primaria di proteine proviene dalla carne. Il pesce è un’ottima alternativa da dare al cane di tanto in tanto, per variare gusti e pietanze, ma non può sostituire definitivamente la carne.

Quando vogliamo introdurre un nuovo alimento nella pappa di Fido chiediamo sempre prima il parere del veterinario. Prima di tutto perché qualsiasi cambio nell’alimentazione potrebbe provocare dei disturbi gastrointestinali, e poi soprattutto perché non tutto ciò che mangiamo noi va bene per i quattrozampe. Nel caso dei calamari i cani possono mangiare questo alimento, ma solo raramente e se cotti in modo sano, quindi al vapore, bolliti o grigliati. Mai e poi mai dare cibi fritti a Fido perché le conseguenze sulla sua salute possono essere davvero preoccupanti!

I cani possono mangiare molluschi?

I cani possono mangiare i calamari?

Abbiamo appurato che i cani possono mangiare i calamari, cotti nel modo giusto e soprattutto in quantità minime. Lo stesso vale per gli altri molluschi o c’è qualcosa che dobbiamo sapere? A tal proposito torna utile un piccolo excursus su questi “abitanti marini” e sulle loro caratteristiche.

Il termine molluschi si riferisce a diversi tipi di creature che vivono in mare, alcuni dei quali provvisti della tipica conchiglia. Sì, sono proprio loro: i frutti di mare. Nella famiglia dei molluschi rientrano i calamari ma anche il polpo, la seppia e il totano. E poi ci sono quelli a conchiglia come le vongole, le cozze, le telline, le capesante, le ostriche e i datteri di mare.

In generale i molluschi non fanno male ai nostri amici a quattro zampe, e anzi hanno un basso contenuto calorico per cui sono indicati anche per i cagnolini un po’ in sovrappeso. Contengono un buon numero di proteine e di grassi buoni e anche alcune vitamine che fanno bene all’organismo dei quattrozampe, specialmente quelle del gruppo B. I molluschi apportano anche un buon quantitativo di minerali come ferro, iodio, zinco e selenio.

Quindi sì, i cani possono mangiare molluschi (come i calamari) e non gli fanno male. Ma ciò a patto che siano cotti in modo sano, che non vi si aggiungano sale e spezie e soprattutto che non siano dati a Fido in quantità eccessive. La dieta dei cani, non smetteremo mai di ripeterlo, deve essere variegata e avere una buona base proteica fornita dalla carne. Il pesce va dato con parsimonia, sempre ben cotto e senza mai eccedere.

I cani possono mangiare il pesce?

I cani possono mangiare i calamari?

Dopo quel che abbiamo visto appare chiaro che i cani possono mangiare il pesce. Anzi non è affatto sbagliato includerlo nella loro alimentazione, scegliendo naturalmente solo prodotti di prima scelta e freschissimi. Il pesce in scatola per il consumo umano non è mai una buona opzione, perché contiene conservanti e anche elevate quantità di mercurio che provoca un vero e proprio avvelenamento.

Se vogliamo far mangiare al cane una buona pappa a base di pesce dobbiamo puntare su quello a basso contenuto calorico, ricco di grassi buoni (come gli Omega 3) e di sostanze che contribuiscono alla buona salute dell’organismo. Come per i molluschi anche per il pesce vale lo stesso principio: va bene darlo al cane ma solo fresco, cotto in modo sano e senza esagerare con le quantità. Se il nostro Fido è in buona salute e segue una dieta equilibrata possiamo includere il pesce nei suoi pasti non più di due volte alla settimana.

I cani possono mangiare il polpo lesso?

Nell’alimentazione dei nostri amati quattrozampe possiamo includere il pesce azzurro (come le alici) e altri pesci come orata, merluzzo, dentice, sogliola, pesce spada. Solo raramente possiamo dargli i molluschi a conchiglia e, se proprio vogliamo solleticare il loro palato con qualcosa di diverso, possiamo optare per calamari e anche polpo. Quindi sì, i cani possono mangiare il polpo anche se non è esattamente a tutti loro che piace.

Del resto anche i bipedi non sempre apprezzano la consistenza “gommosa” dei tentacoli, preferendo mangiare altro. Fido è un gran golosone e ogni volta che portiamo qualcosa in tavola ci chiede un assaggino del nostro cibo. Farlo è un modo per coccolarlo ma dobbiamo fare attenzione a cosa possa fargli male e cosa invece non gli provoca danni. Se ci chiede un pezzettino di polpo possiamo farglielo assaggiare tranquillamente, ma deve essere bollito e mai crudo. Inoltre non deve essere condito con sale, spezie o quantità eccessive di olio, come facciamo di solito con l’insalata di polpo.

I cani possono mangiare i gamberi?

I cani possono mangiare i calamari?

Con i gamberi dobbiamo aprire un capitolo a parte perché i crostacei sono gustosissimi ma sono anche cibi allergizzanti. Significa cioè che non tutti i cani possono mangiarli perché potrebbero avere degli effetti deleteri per la loro salute. I cani possono mangiare i gamberi soltanto se sono ben puliti e privati del carapace, quindi della “corazza”, e naturalmente ben cotti. Sono un alimento sano e ricco di proteine ma, come abbiamo visto per pesci e molluschi, non possono costituire la base della dieta di Fido. Quindi possiamo dare qualche gambero o gamberetto ben cotto e pulito al cane, ma senza che diventi un’abitudine.

I cani possono mangiare i granchi?

Come i gamberi anche i granchi sono crostacei e sì, il cane li può mangiare perché sono un’ottima fonte di proteine, acidi grassi Omega 3 e minerali essenziali come magnesio, zinco e ferro. L’importante è che il granchio sia ben pulito, completamente privato del guscio (che tra l’altro è durissimo e potrebbe danneggiare i denti) e ben cotto. Perciò per viziare Fido di tanto in tanto con una prelibatezza di mare possiamo dargli della polpa di granchio al vapore. Prima di cimentarci in queste prove culinarie, però, non dimentichiamo di consultare il veterinario e verificare che effettivamente il cane non si allergico ai crostacei.