Addestrare il cane a obbedire: cosa c’è da sapere

Come possiamo addestrare il cane a obbedire? E come possiamo fare in modo che ci ascolti? Ecco cosa dobbiamo sapere

Addestrare il cane

Il legame speciale che ci unisce a Fido ci fa tendere, talvolta, a evitare di impartirgli lezioni. Siamo troppo concessivi, e quando ci parlano di addestrare il cane a obbedire storciamo un po’ il naso. In realtà ci sono molte ragioni per farlo e alcune sono davvero importanti.

Per sfruttare al meglio il tuo rapporto con il tuo cane, è bene addestrarlo a rispettare le tue indicazioni. Questo lo aiuterà a vivere armoniosamente in una famiglia umana.

Comportamenti sbagliati nel cane: quali sono?

Se ci apprestiamo ad addestrare il cane a obbedirci, probabilmente abbiamo individuato dei comportamenti scorretti che vogliamo correggere. Prima di procedere, però, dovremmo cercare di capire quali sono le cause.

Addestrare il cane a obbedire: cosa c'è da sapere

I cani hanno infatti alcune tendenze innocenti ma fastidiose, tra cui saltare per salutare, abbaiare, scavare, leccare e masticare. Eppure ci possono essere delle ragioni per cui il cane abbaia che magari non consideriamo.

Stessa cosa vale per le ragioni per cui il cane lecca. Prima di tentare di correggere i suoi comportamenti e addestrarlo a obbedire, dunque, ricordiamoci sempre di capire se in effetti Fido sta cercando di dirci qualcosa.

Come addestrare il cane a obbedire

L’addestramento all’obbedienza non è un addestramento professionale. Serve solo a far rispettare al cane alle regole di base. Dunque, chiedendo in giro, di sicuro riceverai consigli di ogni genere.

Alcune persone ti diranno che la chiave è usare una mano ferma per assicurarsi che il tuo cane non pensi di farla franca dopo un cattivo comportamento.

Altre persone sosterranno che dovresti usare solo premi e snack, ed evitare qualsiasi tipo di punizione. Infine sentirai qualcuno dirti che devi solo fargli capire che sei tu il suo capo branco.

Addestrare il cane a obbedire: cosa c'è da sapere

In realtà, indipendentemente dal metodo e dalle tecniche che usi, per addestrare il cane a obbedire in modo efficace del cane serve una sola cosa: la fiducia che avete l’uno nell’altro.

Scopri come impara il tuo cane

Usare la tecnica della mano ferma e dei premi, in combo, è sempre la soluzione migliore. Per capire però quale delle due tecniche funziona meglio in determinate circostanze devi capire come il tuo cane apprende, in modo tale che la comunicazione tra voi sia sempre chiara.

Addestrare il cane a obbedire: cosa c'è da sapere

Sappi che i cani imparano meglio scoprendo quali sono le conseguenze immediate del loro comportamento. La natura di tali conseguenze determina come si comporteranno in futuro.

I cani, come altri animali (persone incluse), lavorano per ottenere qualcosa di gratificante in cambio: cibo, coccole, giochi o semplicemente una bella passeggiata. Se invece capiscono che un determinato comportamento si traduce in conseguenze spiacevoli, eviteranno di ripeterlo.

Addestrare i cani a obbedire con i premi 

L’obbedienza ottenuta con il rinforzo positivo è sicuramente la migliore. Premiare i comportamenti positivi del tuo cane significa dare vita a un addestramento divertente sia per te che per lui.

Addestrare il cane a obbedire: cosa c'è da sapere

Anche se alcuni metodi di allenamento che usano le punizioni (come correzioni al guinzaglio e rimproveri) possono essere efficaci, il dolore e l’intimidazione possono rendere il cane più nervoso e aggressivo e portarlo persino a essere scontroso con le persone.

In più, il tuo cane potrebbe vederti come “spaventoso” e più che non ripetere il cattivo comportamento, vivrebbe in un regime di terrore che potrebbe fargli sviluppare i sintomi dello stress.

Per essere sicuri di addestrare il cane a obbedire è meglio negargli le ricompense: se a un’azione positiva corrisponde un bocconcino o una carezza, a un’azione negativa basterà negargliele. Il cane assocerà le cose e saprà cosa fare e cosa non fare.

Linee guida per addestrare il cane a obbedire

Ci sono delle linee guida che puoi seguire per fare in modo che il cane smetta di commettere azioni scorrette. Ecco quali sono:

  • Conseguenze immediate: i cani vivono nel presente, dunque a differenza di noi, non possono stabilire connessioni tra eventi ed esperienze separate nel tempo. Per questo, per fare in modo che il tuo cane capisce quale azione è buona e quale è cattiva, occorre che le conseguenze siano immediate. Premialo subito se sta facendo qualcosa di buono, negagli la ricompensa e digli “No!” immediatamente se sta facendo qualcosa di cattivo.

Addestrare il cane a obbedire: cosa c'è da sapere

  • Conseguenze coerenti: se addestri il tuo cane a obbedire, tu e tutti quelli che vivono con lui devono reagire allo stesso modo ogni volta che si comporta in un determinato modo. Se coccoli il cane quando ti salta addosso con violenza per salutarti e poi cerchi di addestrarlo a non farlo, lo farai solo confondere.
  • Ricordati che il tuo cane è sempre un cane: molti problemi comportamentali possono essere prevenuti fornendo modi accettabili affinché il cane esprima i suoi impulsi naturali. L’istinto di mordere mobili, ciabatte o altro può essere risolto dando al cane dei giochi da masticare. Le corse e i salti spericolati, con lunghe passeggiate. Arricchire la vita del cane è già un gran passo verso il renderlo obbediente.

E se il cane proprio non obbedisce?

Nel caso in cui il cane non voglia proprio saperne di obbedire anche ai più semplici comandi domestici, allora è bene cercare un professionista.

Addestrare il cane a obbedire: cosa c'è da sapere

Il cane potrebbe infatti avere dei problemi comportamentali, che possono essere risolti solo con l’aiuto di un esperto.