Il cane si ricorda dove nasconde le cose oppure no?

Determinati oggetti per Fido sono come un vero e proprio tesoro, ma il cane si ricorda dove nasconde le cose? Alcune informazioni rafforzano il rapporto

Il cane si ricorda dove nasconde le cose? Prima di tutto dobbiamo sapere che ci sono moltissime ragioni che spingono il nostro amico a quattro zampe a cercare un rifugio segreto per ciò che ritiene prezioso. Può dipendere da una valutazione figlia dell’istinto oppure esserci di mezzo un momento particolarmente carico di stress.

Non c’è niente di male, se non ci sono delle malattie correlate che scatenano determinati comportamenti, ma tutto dipende anche da quali sono gli oggetti scelti dalla nostra piccola palla di pelo. Una volta stabilito perché accade, se la faccenda diventa ingestibile, si può agire attraverso la creazione di un ambiente ad hoc e usando la teoria del rinforzo positivo a mo’ di premio.

Perché i cani nascondono l’osso

Il cane si ricorda dove nasconde le cose oppure no?

Il cane si ricorda dove nasconde le cose? Sì, la memoria del cane gli permette di sapere dove ha celato i suoi oggetti o cibi più importanti. Il motivo per cui si comporta così è da ricercare nel suo istinto di scavare, nella maggior parte dei casi. La nostra piccola palla di pelo, soprattutto se ha uno spazio aperto facilmente accessibile, potrebbe decidere di mettere il suo tesoro sottoterra. Ma, nel dettaglio, perché il cane scava? Ecco tutte le ragioni che spiegano un atteggiamento apparentemente strano e come funziona la memoria dei cani.

Sopratutto quando cerchiamo le scarpe appena comprate o il telecomando del condizionatore in piena estate e con 40 gradi all’ombra, ci accorgiamo che il nostro amico a quattro zampe ha dato vita a una vera e propria caccia al tesoro. Peccato, però, che non abbiamo un olfatto eccellente che ci aiuti nell’individuazione del nascondiglio.

Il motivo per cui fa così è strettamente correlato alla sua tendenza ad accumulare. Sono quasi sempre oggetti oppure del cibo, il desiderio di Bau è quello di custodire, di proteggere ciò che ha deciso essere particolarmente importante nella sua gestione della vita.

È un atteggiamento atavico, che risale a quando vivere allo stato brado e capire come sopravvivere era la normalità. Ciò che Fido e il suo branco pensavano fosse prezioso veniva protetto da tutto e tutti. Poco importa se il grado di addomesticamento adesso è decisamente diverso, determinati comportamenti rimarranno impressi nel dna del nostro amico a quattro zampe per il resto della sua evoluzione.

A determinarli potrebbe essere anche la tipologia di cane . Esistono, infatti, alcune razze di cani che scavano più di altre, che potrebbero essere impiegate in un cantiere se, per fortuna, non esistessero i macchinari edili e lo sfruttamento fosse ormai un reato. Quando arriva il momento di valutare se andare sino in fondo con l’adozione o meno, dunque, pensiamo a tutti i pro e i contro prima di prendere la decisione definitiva.

Cane che nasconde la selvaggina

Le nostre piccole palle di pelo ragionano in prospettiva e, anche se non hanno ragione di creare delle provviste, il loro istinto gli dice di risparmiare per tempi più duri. Nel dettaglio, il cibo viene conservato in quelli che potremmo considerare una sorta di frigoriferi naturali.

Se abbiamo qualcosa a cui teniamo molto in casa, dunque, preserviamola dalle zampe e dal muso di Bau. Ognuno degli attori in gioco ha le proprie ragioni e qualsiasi decisione non deve provocare disagi all’amico a quattro zampe, i propri spazi e le cose personali però meritano rispetto e l’addestramento deve intervenire anche su questo aspetto.

Perché i cani portano oggetti

Il cane si ricorda dove nasconde le cose oppure no?

Il cane si ricorda dove nasconde le cose. La sua memoria associativa gli consente di collegare bei momenti a determinati luoghi e scavare in corrispondenza del proprio ‘bottino’ non è certo una cattiva esperienza. Anche le cose brutte Fido le ricorda o, meglio, tiene a mente la sensazione di disagio legato a un determinato contesto.

Non sempre però si tratta di semplice istinto, a volte succede che i livelli di stress siano talmente elevati da mettere in atto meccanismi poco virtuosi come quello dell’accumulatore seriale. A incidere potrebbe essere anche la convinzione che qualcuno possa rubare ciò a cui il nostro amico a quattro zampe tiene di più.

Questo può succedere quando arriva qualcuno in casa, una new entry. A tal proposito, ecco come presentare un cane adulto e un cucciolo di cane per gradi, senza accelerare i tempi e creare traumi. Inoltre, se a nascondersi è direttamente il nostro amico a quattro zampe, potrebbe essere necessario l’intervento del veterinario di fiducia, che conosce anche eventuali pregressi clinici e caratteristiche di razza. Infatti, quando il non si sente bene è facile che cerchi un luogo dove sentirsi al sicuro.

Ecco allora che, prima di adottare un cane, dobbiamo adattare la nostra casa alle esigenze del nostro amico a quattro zampe. Non è soltanto una questione di cuccia, acqua fresca e alimentazione, ma serve pure un rifugio che possa sentire come tale. A tal proposito, ecco come abituare il cane al kennel affinché non lo veda solo come un mero mezzo di trasporto per andare dal veterinario, ma come un alleato per sentirsi protetto.

Il cane sposta il cibo col muso

Il cane si ricorda dove nasconde le cose oppure no?

Il cane si ricorda dove nasconde le cose. Ma dove le mette? Ovunque pensi che non ci si possa arrivare facilmente. La soluzione migliore, comunque, soprattutto se è un accumulatore seriale, è la prevenzione. Se lui tende a nascondere gli oggetti, i giochi e il cibo, noi noscondiamoli alla sua vista ogni volta che non possiamo supervisionare.

L’addestramento, poi, sempre all’insegna del relax e del divertimento, è il modo migliore per insegnare al nostro amico a quattro zampe a non esagerare. Frenare i suoi istinti non è un buon approccio, ma questi devono essere saputi gestire, non devono andare a inficiare la libertà altrui.

Ecco perché la fase di socializzazione è molto importante nella vita di Fido. A tal proposito, è bene avere le idee chiare sui corsi di addestramento per cuccioli che ci sono in circolazione. Se il comando del riporto viene eseguito come ci aspettiamo, premiamo il comportamento virtuoso con un rinforzo positivo.

Inoltre, potremmo fare in modo che sgranocchi il suo osso all’interno di una stanza dove non ci possono essere nascondigli. Così sarà libero di assecondare le proprie nature e noi di sapere cosa sta combinando. Per quanto la stimolazione fisica e mentale sia importante, non sovraccarichiamolo di giochi. Averne troppi potrebbe spingerlo a nasconderli.

Perché i cani sotterrano le cose

Il cane si ricorda dove nasconde le cose oppure no?

Il cane si ricorda dove nasconde le cose. Se la situazione è fuori controllo, siamo in fase di addestramento e Fido è ancora cucciolo, pensiamo all’eventualità di utilizzare dei cancelli come quelli che si usano per delimitare il raggio d’azione dei bambini.

Per mantenere sotto controllo la situazione avvaliamoci del supporto di giochi controllati per il recupero, andiamo al parco sotto casa perché il nostro adorato Fido possa incanalare correttamente le proprie energie e facciamo in modo che sia occupato ogni volta che non sta dormendo, mai annoiato.

Il fine, al solito, è quello di rafforzare la fiducia e il legame tra bipede e quadrupede. Non creiamo nessuna condizione che possa farlo spaventare ed evitiamo di urlargli contro o di metterlo in punizione. Bandito è il rinforzo negativo, quello che lo priva di qualcosa senza fornirgli un’alternativa che lo distragga. Non inseguiamolo e non facciamo storie: potrebbe credere che stiamo giocando ad acchiapparello o a nascondino e innescare proprio il meccanismo opposto di ciò che cerchiamo. A tal proposito, ecco alcuni giochi da fare con il cane.

Articoli correlati