6 consigli per crescere un cane equilibrato (e felice)

La felicità di fido prima di tutto: ecco i consigli per crescere un cane equilibrato

6 consigli per crescere un cane equilibrato (e felice)

I nostri cuccioli hanno bisogno di tanto amore e attenzione, crescerli è una vera e propria responsabilità per noi genitori canini. Ma oltre all’amore abbiamo il dovere di impartire loro delle regole per una connivenza serena e felice.

Ecco quindi alcuni consigli per crescere un cane equilibrato che possa stare i famiglia e socializzare con umani e con i suoi simili.

6 consigli per crescere un cane equilibrato (e felice)

Sforzo, pazienza e dedizione

Un cane affidabile ed equilibrato richiede sforzo, pazienza e dedizione. È un impegno questo che richiede anni di lavoro. Non esiste un modo giusto per allevare un cane, ma i formatori concordano su diversi elementi chiave che aiutano un cane a diventare un membro funzionale e rispettabile della tua famiglia.

La cosa più importante da ricordare è che il comportamento di un cane è interamente una tua responsabilità: i cani non possono auto addestrarsi. Quindi dovrete avere pazienza, sforzo e dedizione e ovviamente amore.

Iscriviti a un corso di formazione di gruppo

Se il cane è stato adottato e ha alle spalle una storia di traumi, sarà fondamentale partecipare ad un corso di addestramento non appena sarà abbastanza grande. Tutti i cani, indipendentemente dal ruolo della famiglia, dovrebbero conoscere le basi dell’addestramento con i seguenti comandi: sedersi, rimanere, scendere, andare e camminare correttamente al guinzaglio.

6 consigli per crescere un cane equilibrato (e felice)

Un cane con una comprensione dei comandi di base è più affidabile fuori casa e meno pericoloso per se stesso e gli altri. Le lezioni private sono eccellenti per l’apprendimento accelerato, main corso di gruppo è prezioso perché consente a fido di imparare a socializzare.

Il tempo per giocare e socializzare

La grande maggioranza delle problematiche legate al comportamento dei cani si riduce a riserve energetiche di fido non consumate o alla scarsa socializzazione. I nostri cuccioli hanno una quantità di energia che deve essere consumata durante il giorno.

6 consigli per crescere un cane equilibrato (e felice)

Prendetevi dunque del tempo per far correre e giocare il cane e farlo interagire con umano e altri cani. À necessario, per la sua crescita che si adatti bene alla comunità. Se il cucciolo non consuma energia e non socializza probabilmente svilupperà dei disturbi ossessivi tipici di un cane stressato.

Rafforzare il comportamento positivo

Un grande passo falso fatto da molti proprietari di cani è non premiare i nostri cuccioli quando si comportano bene e al contrario sgridarli quando fanno qualcosa che non va.

Questo non li aiuta a rinforzare i loro comportamenti buoni.

 Un cane, quando fa qualcosa di buono e corretto va sempre elogiato, per farlo aiutatevi con la tecnica del rinforzo positivo per il cane.

La coerenza

La coerenza è di gran lunga la componente più stimolante e importante dell’addestramento efficace per il cane. I cani fanno affidamento su abitudini e modelli, la loro memoria è del resto associativa quindi le abitudini e la routine sono per loro fondamentali.

L’incoerenza interrompe il modello di allenamento e rende i comportamenti più difficili da apprendere. È importante quindi stabilire delle regole per fido e assicurarvi di rispettare e farle rispettare anche da tutti i membri della famiglia.

Affrontare le sfide

Nessun cane è perfetto. Alcuni probabilmente arriveranno da voi con un bagaglio importante alle spalle, altre volte magari hanno solo un carattere dispettoso, una cosa è certa, ogni cane è diverso e ha bisogno di attenzione e amore.

Razze diverse hanno esigenze diverse, ogni cucciolo ha punti di forza e di debolezza. Se il cane inizia a mostrare problemi comportamentali nonostante l’addestramento di base, è fondamentale cercare immediatamente l’aiuto di un addestratore professionista e qualificato. I problemi comportamentali sono la ragione principale per cui i cani vengono abbandonati o lasciati nei rifugi. Molti di questi problemi sono risolvibili con l’aiuto di un professionista.