Cuccioli di Pomerania, cure specifiche: che cosa bisogna sapere quando se ne prende uno

Di cosa dobbiamo preoccuparci quando decidiamo di prenderci cura dei cuccioli di Pomerania? Quali sono i migliori suggerimenti? Conosciamo meglio questi meravigliosi esemplari.

cucciolo di pomerania

Quali cure specifiche vanno dedicate ai cuccioli di Pomerania? Ci sono alcuni punti importanti e imprescindibili che ci permettono di gestire questi meravigliosi e dolcissimi batuffoli di pelo? Conosciamo un po’ meglio e vediamo cosa si deve sapere a riguardo.

Cuccioli di Pomerania: quali cura servono?

Cuccioli di Pomerania, cure specifiche: che cosa bisogna sapere quando se ne prende uno

Chi è il Pomerania? Quanto è conosciuto questo animaletto dallo sguardo dolcissimo e dall’aspetto tenerissimi? Il Pomerania è un cane di taglia piccola, che prende il suo nome dal luogo di origine, una regione che si trova in Europa Centrale, sul Baltico.

Anche conosciuto come Spitz tedesco nano, il Pomerania è una razza molto antica, famosissima in tutta Europa. Il suo luogo natale specifico si rifa al territorio della Germania. È ufficialmente riconosciuto dalla FCI, la federazione internazionale delle associazioni di allevatori canini e appartiene al Gruppo 5, cani di tipi spitz e primitivo.

La sua fama sicuramente lo precede. Si è da sempre diffuso con una velocità incredibile in tutto il mondo per il suo bell’aspetto e la sua dolcezza. Infatti, è anche diventato uno dei migliori compagni di vita a 4 zampe di molte celebrità di Hollywood, che hanno provveduto a farlo diventare ancora più famoso.

Cosa dobbiamo sapere su questa razza? Quali sono le cure da rivolgere ai cuccioli di Pomerania? Cosa dobbiamo sapere per capire come gestire questi batuffoli di pelo? Cerchiamo di conoscere un po’ di più questi piccolini appena nati.

Il carattere di un Pomerania è abbastanza affettuoso, docile, vispo e giocherellone, ma solo con le persone di cui si fida ciecamente e a cui ha deciso di volere bene.

Derivando da antichissimi esemplari di cani da guardia, il volpino di Pomerania ha mantenuto un atteggiamento abbastanza scostante nei confronti degli estranei o di chi non conosce.

Dunque, il temperamento “combattivo” fa rimanere questi cuccioli sempre sull’attenti. Essi, infatti, tendono a proteggersi e a stare sempre sulla difensiva: qualunque momento potrebbe essere buono per l’attacco di un eventuale pericolo!

Questo atteggiamento praticamente innato nei Pomerania li rende poco disponibili nei confronti degli estranei, di coloro cioè di cui non possono fidarsi perché sconosciuti.

Ecco allora che la maggior parte delle volte essi assumono pose snob o anche aggressive, poiché non vogliono assolutamente permette a nessuno di invadere il loro territorio o la loro privacy.

Ora, veniamo al punto importante della questione: il Pomerania, allora, è adatto all’appartamento? Diciamo che la risposta non può essere univoca, anzi è meglio dire “dipende”!

Ad esempio, immaginiamo questa scena. Abbiamo dei cuccioli di Pomerania insieme a bambini dispettosi e fin troppo iperattivi a tal punto da non riuscire a frenare un’eccessiva esuberanza…cosa potrebbe succedere?

Il Pomerania è giocherellone e vispo, ma sa e vuole farlo a modo suo e soprattutto come e quando vuole lui. Tirate di pelo, dispetti vari, invadenza involontaria ma fin troppo palese: tutte queste piccole cose non fanno minimamente per lui!

La reazione che si potrebbe scatenare di fronte a tali situazioni è questa: i cuccioli di Pomerania digrignano i denti e mordicchiano chiunque capiti a tiro!

Inoltre, sono dei cani anche molto possessivi. Nessuno deve toccare coloro che considerano come padroncini o punti di riferimento importanti, tanto meno le loro cose o la loro zona di confort. La reazione non sarebbe di certo la più positiva!

Pretendono di essere gli unici a poter godere di premure, attenzioni e coccole. Cosa si può fare, allora, per provvedere alle migliori cure per i cuccioli di Pomerania? Come si gestiscono?

L’educazione prima di tutto!

Cuccioli di Pomerania, cure specifiche: che cosa bisogna sapere quando se ne prende uno

Al fine di tenere a bada questo carattere possessivo, un po’ diffidente e a volte anche istintivo, dovremmo pensare ad una bella educazione.

Risulta facile addestrarli i cuccioli di Pomerania? Sì e no. È vero che sono dei cagnolini molto svegli e intelligenti, che riescono a cogliere alla lettera ogni sfumatura delle nostre richieste. È altrettanto vero, però, che sono abbastanza tignosi e testardi.

Il trucco sta nel procedere alla socializzazione e all’addestramento fin dalla tenerissima età. Così facendo, i Pomerania pian piano impareranno a fidarsi di noi e di ogni membro della famiglia, bambini compresi.

Se tutti riuscissero a rispettare i loro spazi e a fare in modo che abbiano la giusta dose di attenzioni, coccole e confort, i Pomerania diventeranno degli ottimi amici.

La cosa di cui preoccuparci, allora, è quella di tenere a bada da subito il loro istinto animalesco e iperprotettivo. Il problema è che fanno fatica a fidarsi degli altri? Bene: si potranno utilizzare metodi come rinforzi positivi, pazienza, autorità, polso, ma anche amore e calma.

Insegnare loro come comportarsi è il primo passo per rendere la convivenza migliore. Lo scopo è quello di fare in modo che i Pomerania riescano ad abituarsi alla presenza degli umani e a non considerarli dei potenziali nemici con cui gareggiare.

Dopo un lungo percorso, si potrà anche raggiungere l’obiettivo finale. Ovvero, il loro carattere sarà abbastanza flessibile anche nei confronti degli “estranei”. Un primo traguardo a cui si dovrebbe puntare inizialmente è questo: fare in modo che i cuccioli riescano a dare l’opportunità di farsi conoscere alle pericolose “estranee”, senza giudicarle a priori come pericolose o non degne di attenzioni positive.

Toelettatura: prendersi cura del pelo

Cuccioli di Pomerania, cure specifiche: che cosa bisogna sapere quando se ne prende uno

Oltre al carattere un po’ scostante e diffidente che va gestito fin dalla tenera età, cos’altro bisogna sapere per dedicare le giuste cure ai cuccioli di Pomerania?

Già semplicemente osservarli attentamente ci dà qualche indizio! Pelo lungo, morbido, folto e setoso: esso deve assolutamente essere gestito ogni giorno.

Quello che occorre, allora, è una buona toelettatura! Come ci si prende cura di un cane a pelo lungo? Spazzolarlo ogni singolo giorno è il primo punto da non sottovalutare mai!

Ecco cosa ci tornerà utile: cardatore, spazzola b (ovvero senza capocchie di plastica perché potrebbe fare male), pettine a denti stretti.

Pettinare i nostri Spitz è fondamentale per evitare che il loro pelo si riempa di nodi difficili da districare, soprattutto quando troppo ingarbugliati. Cerchiamo di essere costanti e di spazzolare i nostri piccoli amici almeno una volta al giorno…ma, all’occorrenza, anche di più!

Per quanto riguarda il taglio, invece, essendo dei cagnolini molto delicati e dal pelo foltissimo, sarebbe meglio rivolgerci ai centri specializzati.

Ricordiamoci, inoltre, che i cuccioli di Pomerania non vanno MAI tosati completamente! Il loro pelo si può accorciare, questo sì, ma non deve mai essere tenuto corto, raso a pelle! Il manto protegge l’esemplare da eventuali fattori esterni disturbanti e deve assolutamente poter svolgere il suo ruolo in ogni periodo dell’anno.

Si può di certo dare un aspetto più ordinato, dolce o simpatico ai nostri cuccioli, ma senza mai esagerare. Ecco perché è fondamentale contattare toelettatori esperti: loro sapranno di certo come trattare al meglio il pelo dei nostri piccoli amici.

Inoltre, per quanto riguarda il bagno, ci si può preoccupare una volta al mese circa. Anche in questo caso, se non ci sentissimo in grado di lavare e pulire al meglio il pelo dei Pomerania, cerchiamo di chiamare chi di dovere per un risultato sicuramente più ottimale.