Il cane ha mangiato un ragno, è pericoloso? Cosa fare?

Se il cane ha mangiato un ragno, nella maggior parte dei casi, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Il problema può essere se è un esemplare velenoso. I dettagli

cane goloso

C’è da preoccuparsi se il cane ha mangiato un ragno? Si tratta di un’eventualità che deve essere sottoposta all’attenzione dello specialista, o è un insetto innocuo per lo stomaco di Fido? La salute del nostro amico a quattro zampe è fondamentale. Faremmo di tutto per vederlo crescere sano e forte. Per quanto le visite dal veterinario siano fondamentali, ci auguriamo sempre che siano solo quelle di routine per i richiami dei vaccini e l’applicazione dell’antiparassitario.

A tutte queste domande cercheremo di rispondere per fare un po’ di chiarezza in merito a un argomento su cui spesso si fa tanta confusione: la dieta del nostro amico a quattro zampe. Seppure l’ingestione del ragno è da considerarsi uno spuntino extra, una preda che Fido è riuscito a portare a casa.

Uno sguardo di insieme

Il cane ha mangiato un ragno, è pericoloso? Cosa fare?

Volendo dare una risposta breve, che poi articoleremo in tutte le sue sfaccettature, se il cane ha mangiato un ragno, non abbiamo quasi nulla per cui correre ai ripari. Infatti, gli effetti di questa cattura – di cui la nostra palla di pelo può andare fiera – sono strettamente correlati al tipo di insetto ingerito. Se si tratta di una tipologia velenosa, infatti, bisogna correre il prima possibile dal veterinario di fiducia, che oltretutto ha il quadro completo su eventuali pregressi clinici e caratteristiche di razza che potrebbero incidere negativamente sulle condizioni del peloso in questione. A tal proposito, inoltre, può tornare utile saper riconoscere i sintomi tipici da avvelenamento.

Per quanto il rapporto tra bipede e quadrupede sia ormai simbiotico, e gli anni di convivenza abbiano ridotto l’inevitabile gap linguistico tra due specie così diverse, il nostro adorato Fido non potrà mai dirci a chiare lettere che si sente male. Dobbiamo essere noi bravi a interpretare il suo linguaggio del corpo e a leggere gli eventuali segnali di una determinata patologia.

Possibili conseguenze da ingestione

Il cane ha mangiato un ragno, è pericoloso? Cosa fare?

Come precedentemente accennato, il ragno è assolutamente innocuo, a patto che non faccia parte delle varietà velenose. La maggior parte dei casi, quindi, non c’è alcun motivo di agitarsi e il padrone dell’amico a quattro zampe può tranquillamente aspettare che il cane lo sputi oppure che il suo corpo lo assimili.

Se, invece, notiamo determinati comportamenti fuori norma e malesseri che ci fanno insospettire, non ricorriamo al fai da te e affidiamoci all’esperienza dello specialista. Un nostro intervento superficiale, infatti, seppur sia fatto in assetto da pronto soccorso, potrebbe allontanarci dall’individuazione della terapia più adeguata. La mancata tempestività, poi, può portare anche a conseguenze di una certa entità. Attenzione se:

Questi sono i segnali tipici che qualcosa non sta andando per il verso giusto, il corpo del nostro amico a quattro zampe si sta ribellando in tutti i modi e sta cercando di autoconservarsi. Lui contro la causa della sua intossicazione.

Ragno sì o ragno no?

Il cane ha mangiato un ragno, è pericoloso? Cosa fare?

Se il cane ha mangiato un ragno, non ci saranno drastiche conseguenze. Per comprendere la ratio di quanto appena affermato, vale la pena fare una distinzione non di poco conto. Come sempre, quando si parla di alimentazione, a fare la differenza sono le quantità. Il troppo storpia o, in questo caso, fa venire il mal di pancia al nostro adorato Fido.

Infatti, se ingerisce un’intera colonia di ragni (o di qualsiasi altro insetto apparentemente non pericoloso), i segni di un’indigestione sono praticamente inevitabili. Se vediamo il cane particolarmente giù di corda, poco propenso al movimento e improvvisamente inappetente, potrebbe voler dire che le algie all’addome gli stanno dando del filo da torcere. Ecco allora che entra in gioco il veterinario di fiducia e la sua visita approfondita. Come sempre, una anamnesi il più possibile dettagliata da parte nostra potrebbe fare davvero la differenza nell’individuazione della causa e del rimedio più efficace.

Per fortuna questa eventualità è piuttosto remota e il più delle volte potremo continuare a dormire sonni tranquilli. Sicuramente, è molto importante stare dietro al proprio cucciolo di cane e controllare che non si metta nei guai, magari con uno di quei ragni velenosi di cui spesso parlano i documentari alla televisione. Più sapremo che stile di vita sta conducendo la nostra piccola palla di pelo, più potremo intervenire qualora ce ne fosse bisogno.

Alcune precisazioni

Se il cane ha mangiato un ragno, tendenzialmente, non è in pericolo di vita. Un’altra precisazione è importante. Se il nostro amico a quattro zampe ingerisce un ragno appena inondato di pesticidi, anche le conseguenze sul suo organismo potrebbero non essere delle migliori. Si tratta di un’intossicazione indiretta, ma può comunque mettere a repentaglio la vita del peloso in questione.

Per fortuna, però, nella peggiore delle eventualità il nostro adorato Fido potrebbe essere vittima di irritazioni, soprattutto in zone delicate come la lingua. In generale, non si tratta di nulla di grave e nel giro di poche ore ci si potrà ridere su.

Il migliore approccio è la prevenzione. Si deve fare di tutto per evitare che Fido e gli insetti, soprattutto quelli nocivi, possano entrare a contatto. Ciò però non vuol dire che si debba rinunciare alle passeggiate al parco e alle gita fuoriporta, sono fondamentali perché il cane incanali positivamente le proprie energie. Il consiglio è quello di fare particolarmente attenzione e di essere pronti a intervenire tutte le volte che ce n’è bisogno.

Conclusioni

Il cane ha mangiato un ragno, è pericoloso? Cosa fare?

Se il cane ha mangiato un ragno, animale che possiamo trovare con estrema facilità anche dentro un appartamento in città, dobbiamo monitorare lo stato di salute di Fido per scongiurare qualsiasi episodio di avvelenamento. L’importante è cercare di non lasciare pesticidi in giro e accessibili al nostro amico a quattro zampe.

Questi infatti potrebbero essere molto dannosi per il cucciolo, e potrebbero esserci gravi conseguenze qualora li ingerisse accidentalmente. Il ragno per fortuna non è come le formiche, che invadono letteralmente certe zone della casa.

Questo insetto vive principalmente da solo, quindi è raro che il cane abbia a che fare con più di uno (o massimo due) in casa. Oltretutto non dimentichiamo che Fido è un gran mattacchione e può decidere di giocare con le sorti del ragno e, eventualmente, con le proprie.