Quanto costa la pulizia dei denti del cane e a cosa serve?

Se Fido ha una dentatura non più brillante o l'alito cattivo, potremmo cominciare a chiederci quanto costa la pulizia dei denti del cane e se, effettivamente, può servire ad aiutarlo. Scopriamolo

Denti del cane

Il nostro amico a quattro zampe, da qualche tempo in qua, non ha più lo stesso “sorriso”. Questo potrebbe portarci a chiederci quanto costa la pulizia dei denti del cane e se effettivamente è il caso di valutarla.

Prima di parlare di cifre, precisiamo una cosa: sì, la pulizia dei denti del cane è assolutamente necessaria. E, vi diremo di più, sarebbe buona norma farla anche in casa. Non sapete di cosa stiamo parlando e come fare? Nessun problema, siamo qui per questo.

La detartrasi e i suoi costi

Quanto costa la pulizia dei denti del cane e a cosa serve?

Rispondiamo subito alla domanda iniziale: la pulizia dei denti, ovvero la detartrasi del cane, costa tra gli 80 e i 130 euro e viene effettuata dal veterinario. La variazione di prezzo deriva non solo dalla tabella di costi del professionista, ma anche dalle condizioni in cui versano i denti del cane.

La detartrasi, infatti, non è un processo che richiede l’uso di spazzolino e dentifricio. Intanto, il veterinario esegue un’anestesia generale, che servirà a impedire non solo che il cane si muova, ma che venga pulita attentamente tutta la cavità orale.

I denti verranno puliti accuratamente con appositi strumenti: una volta posizionato l’aspirasaliva, il veterinario utilizzerà la turbina, l’ablatore a ultrasuoni e le pinze manuali da estrazione.

Nel processo di pulizia non solo viene rimosso interamente il tartaro da tutti i denti, ma anche da zone meno visibili (gengivali e subgengivali). Inoltre, se il veterinario si imbatte in denti cariati, instabili o marci procede alla cura o alla rimozione, applicando anche dei punti di sutura.

Infine, qualora il medico si ritrovasse di fronte a tumori delle gengive, neoformazioni o masse sui tessuti molli, li rimuoverebbe per procedere a una biopsia. Terminati tutti questi procedimenti, i denti vengono infine lucidati accuratamente e vengono prese precauzioni per fare in modo che il tartaro non si ripresenti in tempi brevi.

Costi aggiuntivi della pulizia dei denti

Quanto costa la pulizia dei denti del cane e a cosa serve?

Come abbiamo accennato, durante la detartrasi potrebbero verificarsi dei fatti che giustificano costi aggiuntivi. Per intenderci, il veterinario potrebbe cimentarsi in un’estrazione del dente e in una terapia canalare/radicolare particolarmente impegnativa.

Un’estrazione semplice può avere costi moderati, mentre procedimenti più complessi possono, in effetti, arrivare a costare fino a 50 euro in più. Generalmente, comunque, il veterinario spiega alla perfezione tutto ciò che è incluso e non incluso nel costo prestabilito.

D’altronde, prima di arrivare alla detartrasi il veterinario effettua una normale visita di controllo, dove valuta lo stato della dentatura del nostro amico a quattro zampe. Inoltre prospetta tutti i possibili interventi e prescrive degli esami biochimici per accertarsi che l’intervento sia a tutti gli effetti fattibile.

A cosa serve la pulizia dei denti del cane?

Quanto costa la pulizia dei denti del cane e a cosa serve?

Ovviamente, essendo un vero e proprio intervento, la pulizia dei denti del cane professionale può spaventarci. Il benessere di Fido è la nostra priorità, dunque potremmo chiederci se, in effetti, ne vale la pena.

La risposta è, come abbiamo già accennato, sì. La pulizia dei denti del cane serve per tenere Fido sano e in salute. In particolare, ci sono cinque ruoli importanti che svolge nell’ambito del benessere del nostro amico a quattro zampe:

  • Previene la perdita dei denti. Quando le gengive o la bocca si ammalano, i denti si infettano e conseguentemente marciscono, si distruggono e cadono. La pulizia dei denti permette che tutto il cavo oralo sia sano e che il cane non rimanga sdentato.
  • Previene l’alitosi. Se il cane ha un alito che farebbe impallidire quello di una fabbrica di metano, significa che il cane deve fare la pulizia dei denti. Questo perché l’alito è la prima spia di allarme di infezioni, tartaro e placca accumulati o di carie.
  • Prevenire il dolore orale. Le malattie dentali, specialmente se gravi, possono essere piuttosto dolorose per i cani. Mantenere sani i denti e le gengive del tuo cane lo aiuterà a non provare questa bruttissima esperienza.
  • Prevenire danni agli organi. Ebbene sì: i batteri nella placca o nel tartaro possono entrare nel flusso sanguigno. Questo significa che possono arrivare al cuore, ai reni e al fegato, danneggiandoli e creandogli malattie davvero molto gravi.
  • Prevenire il peggioramento delle malattie dentali. Alle volte è difficile capire che il nostro cane ha problemi ai denti. Questo porta a dilatare le tempistiche e a rischiare peggioramenti talvolta irrimediabili. Una visita di controllo e una pulizia dei denti regolare impedisce di affrontare esperienze traumatiche.

I denti del cane si possono pulire in casa?

Quanto costa la pulizia dei denti del cane e a cosa serve?

Anche se ovviamente l’efficacia della pulizia in casa non è paragonabile a quella della detartrasi è utile, anzi, necessario pulire i denti al cane in casa. Bisogna, per la precisione, abituare il cucciolo fin da piccolo a questa prassi.

I denti del cane si possono pulire in diversi modi, in primis con spazzolino e dentifricio. Lo spazzolino deve essere quello adatto per Fido, con manici angolati, setole morbide e testine multiple che rendono più facile e veloce raggiungere tutti i piccoli angoli e fessure all’interno della sua bocca.

Anche il dentifricio deve essere quello giusto, perché quello umano contiene xilitolo e fluoruro, dannosi per i cani. Il dentifricio per cani, tra l’altro, ha gusti che possono piacere di più a Fido: burro di arachidi, manzo e pollo.

Un’altro modo pulire i denti del tuo cane in casa è fargli masticare snack appositi: in commercio ce ne sono davvero tantissimi e oltre a essere utili soddisfano la golosità del cane. Si tratta di prodotti progettati per ridurre al minimo l’accumulo di placca e tartaro mentre lucidano i denti.

Anche i giocattoli da masticare sono utilissimi e si adattano in particolare alle esigenze dei cuccioli, perché leniscono i dolori della dentizione. Infine, si può anche usare uno spray: anche in questo caso c’è solo l’imbarazzo della scelta, perché in commercio ce ne sono tantissimi.

Gli spray hanno gusti e profumi tutti diversi e generalmente hanno funzioni antibatteriche e preventive. L’unica accortezza che bisogna seguire è quella di non far mangiare il cane subito prima o subito dopo l’applicazione: lo spray agisce infatti sui denti puliti e si attiva se per 30 minuti non viene masticato nessun tipo di cibo.