Springer Spaniel, tutto su questa razza: carattere, curiosità, consigli e cure

Ogni razza ha le proprie peculiarità che vale la pena conoscere prima di concludere l’adozione. Lo Springer Spaniel ha tanto da donare. I dettagli

Prima di adottare un amico a quattro zampe è bene conoscere le sue caratteristiche, al di là delle peculiarità fisiche che ci hanno attirato. Questo ci permetterà di procedere con maggiore consapevolezza e di essere certi che noi siamo i proprietari giusti per lui e lui il peloso giusto per noi.

Non c’è molto di diverso in un rapporto tra bipede e quadrupede rispetto a qualsiasi altra convivenza. È bene verificare di essere compatibili, così da ridurre al minimo eventuali difficoltà e sofferenze (addirittura eliminandole del tutto).

Lo Springer Spaniel è all’aspetto molto simpatico, ma qual è la sua indole, quali sono i suoi bisogni che dobbiamo soddisfare nel momento in cui ci prendiamo la responsabilità della sua vita e del suo benessere? Queste sono solo alcune domande che è bene porsi prima di adottare una piccola palla di pelo che dipenderà in tutto e per tutto da noi.

Indice

Le origini di una razza dalle mille sorprese

cuccioli di cane springer spaniel

Lo Springer Spaniel inglese ha delle origini molto antiche, risalgono ai primi dell’800. Ne abbiamo traccia, precisamente, a partire dal 1812, l’anno in cui viene scelto dalla famiglia britannica di nobili origini Boughey. Sono stati loro a dare il via a una diffusione della razza che adesso è decisamente più significativa.

Lo standard di razza, invece, arriva quasi un secolo dopo quando, con l’ufficializzazione, è stato riconosciuto dal Kennel Club. Siamo nel 1902. Gli esperti cinofili di questo amico a quattro zampe lo chiamavano “English Springers other than Clumber, Sussex and Field”.

Già il contesto in cui nasce, segna il suo futuro di prestigio. Infatti, l’impiego che ne viene fatto – soprattutto grazie al suo olfatto fuori dal comune – è quello di cane da caccia, riporto e cerca. Inoltre, si tratta di un esemplare che si muove perfettamente ed è a proprio agio anche in acqua. Le sue doti olfattive possono essere assimilate a quelle del cane molecolare.

Un aspetto molto equilibrato

cane accucciato

Lo Springer Spaniel è un amico a quattro zampe dalla corporatura compatta ed equilibrata. La particolarità della sua testa è che risulta essere leggermente allungata e arrotondata sulla sommità.

Gli occhi sono molto espressivi, conquistano al primo sguardo con quella tonalità scura che penetra nel cuore degli amanti degli animali. Un’altra caratteristica che lo rende molto riconoscibile sono le orecchie lunghe e aderenti al cranio. Il collo risulta essere possente e parecchio muscoloso.

Nel complesso, la sua fisicità appare robusta, scattante e atletica, grazie al busto allungato. Il torace ampio le zampe forti e compatte lo rendono particolarmente resistente alle battute di caccia che lo vedono impegnato in prove atletiche non di poco conto. La coda è caratterizzata da una posizione abbassata rispetto al tronco.

Un fisico che si adatta a tutte le situazioni

cane nel bosco

Il tipo di allevamento e di addestramento che nella maggior parte dei casi riceve lo rendono pronto all’azione, allegro, scattante e mai apatico. Sono caratteristiche che ormai sono insite nel suo dna.

Inoltre è un amico a quattro zampe che si adatta facilmente a qualsiasi condizione, è a proprio agio sia nei boschi che sui terreni paludosi. Il suo obiettivo principale è quello di individuare una pista da seguire e portare la preda a casa, così da rendere orgoglioso e fiero il proprio padrone, colui che considera famiglia.

Un abile nuotatore

A rendere tutto estremamente naturale, semplice è il suo fisico muscoloso e agile. Lo Springer Spaniel si distingue anche per le sue grandi abilità da nuotatore. Inoltre, corre a perdifiato e non si ferma fino a quando non ha concluso il recupero e il riporto in questione.

Insomma, se c’è un obiettivo da raggiungere e una preda da scovare possiamo stare certi che il nostro amico a quattro zampe non si tirerà mai indietro e metterà tutto se stesso, sia dal punto di vista fisico che mentale, per arrivare a conclusione della battuta di caccia.

Manto setoso, colore e composizione

cane per strada

L’aspetto di questo splendido esemplare è quello che cattura a una prima analisi. Conquista la sua fisicità e la sua esuberanza è davvero contagiosa. Un peso notevole ce l’ha il pelo. Lungo, leggermente ondulato, frangiato, fitto e liscio al tocco: coccolare uno Springer Spaniel si rivela essere un antistress naturale e senza effetti collaterali.

Non a caso stiamo parlando del capostipite degli Spaniel: tra le razze canine più belle e interessanti che il panorama cinofilo possa offrire. Ecco allora che i colori ammessi sono tutti quelli riconducibili a questa ‘macro razza’, a eccezione del monocolore: mai consentito. Lo standard di razza prevede il bianco e nero, il bianco focato o il tricolore, il nero focato e il grigio in diverse varianti di intensità.

Il pelo può essere sia leggermente ondulato, come abbiamo già accennato o anche liscio. Appare frangiato in corrispondenza delle orecchie e degli arti e ha una composizione che lo rende in parte idrorepellente. È forte, resistente e non ingombra durante le nuotate che questo amico a quattro zampe è solito fare.

Un carattere sorprendente

cane al guinzaglio

L’indole dello Springer Spaniel è molto amabile e simpatico, tra le razze di cani adatte ai bambini. Rispetto al Cocker dimostra maggiore tranquillità, è più mansueto. Questo non vuol dire che non dimostri di essere vivace e pronto all’avventura. Adora il contatto con colui con cui ha avuto l’imprinting, il padrone, la persona più importante della famiglia. Lo stesso non si può dire dell’approccio che sceglie di avere con chi non conosce. Rimanendo comunque equilibrato e socievole, non si lascia andare mai completamente, rimane sul chi va là e studia colui che ha di fronte.

Una corretta socializzazione, sin dalle prime settimane di vita, gli permetterà di interagire con il mondo che lo circonda e con tutti gli attori in gioco. A meno che qualcosa non vada storto o sia vittima di qualche trauma, il rapporto con il padrone sarà esclusivo. Lo seguirà ovunque vada, si dimostrerà fedele, rispettoso ed educato. Al tempo stesso sarà perfettamente in grado di essere autonomo e indipendente se la situazione lo richiede. Insomma, non dimentichiamo che siamo di fronte a un cane da caccia d’eccezione!

Mi raccomando: il suo umore sarà sempre strettamente correlato al tipo di attività fisica che gli sarà concesso svolgere. Se non passerà abbastanza tempo all’aria aperta, potrebbe intristirsi e tendere all’isolamento. Se notiamo il nostro amico a quattro zampe un po’ moggio e poco attivo, contattiamo il veterinario di fiducia – colui che conosce anche eventuali pregressi clinici e caratteristiche di razza – per capire se ci sono problematiche fisiche o psicologiche che non lo fanno stare al meglio delle proprie possibilità.

Questione di dimensione

cane che salta

Lo Springer Spaniel ci stupisce anche quando andiamo ad analizzare le sue dimensioni. Infatti, lo standard di razza, pur non prevedendo delle varietà piccole o nane, prevede delle linee da lavoro che risultano essere più piccole, più compatte.

Cani da lavoro

Queste caratteristiche particolarmente ‘pocket’ sono proprie di coloro i quali sono definiti cani da lavoro. Non che il cane da caccia non si dia da fare, ma questi esemplari hanno un attitudine differente alla fatica.

Non appaiono solo più piccoli, ma dalle proporzioni nel complesso più allungate. Inoltre il pelo è meno fitto rispetto a quello descritto precedentemente.

La variante americana

Le stesse caratteristiche le ritroviamo anche nella versione statunitense dello Springer Spaniel, che viene impiegato prevalentemente per fare spettacoli e apparire in tutto il suo splendore.

Anche in questo caso le dimensioni risultano essere più ridotte. Una caratteristica che rischia di intenerire ancora di più gli appassionati di questa razza che è piena di sorprese.

I cuccioli di Springer Spaniel

cucciolo di cane al guinzaglio

Da non confondere con le varietà appena descritte, trattandosi lo Springer Spaniel, secondo lo standard di razza, un esemplare di taglia media, i cuccioli crescono fino a raggiungere un’altezza al garrese in media di 51 centimetri e un peso di circa 20 chili.

Già dalle prime settimane di vita sono chiare le caratteristiche fisiche descritte in precedenza. Presentano una corporatura forte e compatta, muscolosa e ben sviluppata, dalle linee armoniche. Lo stesso si può dire dal punto di vista del temperamento. Anche in tenerissima età appaiono dolci, amabili e dediti a colui che considerano il capo famiglia, quello che allo stato brado occuperebbe il ruolo di ‘capobranco’.

Sono sempre alla ricerca del contatto fisico e richiedono sempre qualche attenzione extra, ma senza risultare eccessivi e appiccicosi. Se abituati sin da subito alla vita in casa, hanno un’ottima capacità di adattamento.

Parola d’ordine adattabilità

cani che giocano

Una caratteristica che è bene conoscere prima di adottare uno Springer Spaniel è che non ama stare da solo. La solitudine è il tallone d’Achille di tutti i quadrupedi, e nei casi più gravi si arriva a parlare di ansia da separazione nei cani, ma per questo esemplare è particolarmente difficile gestirla. Se vogliamo prenderne uno con noi, non possiamo avere una vita particolarmente frenetica e che passiamo spesso fuori casa.

Questo amico a quattro zampe ha bisogno di ricevere tanto affetto e amore da chi considera famiglia, parte del branco. Se ignoriamo questa sua peculiarità, rischiamo di danneggiare il suo equilibrio psicologico e che abbia ripercussioni anche dal punto di vista fisico e organico.

Il fatto che si adatti facilmente a qualsiasi ambiente non vuol dire che sia un ottimo cane per chi non ha esperienze pregresse in campo cinofilo. Infatti la sua esuberanza va gestita da un proprietario esperto e da corsi di addestramento per cuccioli mirati. Insomma, un insieme di pro e contro che lo rendono un amico a quattro zampe abbastanza equilibrato nel complesso.

Resta comunque una razza che ama stare all’aperto, in mezzo alla natura. Anche una semplice passeggiata o una sessione di gioco al parco sotto casa insieme al padrone lo rendono felice. L’importante è non mettere mai in secondo piano l’esigenza che ha di incanalare correttamente le energie in eccesso.

Salute e cure specifiche

cane a mare

Partiamo subito dal presupposto che, se seguito periodicamente dal veterinario, nutrito con una dieta sana e bilanciata e accudito come merita, le aspettative di vita media di uno Springer Spaniel si aggirano tra i 12 e i 14 anni.

Per fortuna siamo di fronte a una razza che gode di buona salute e per la quale non è stata registrata nessuna tendenza genetica a determinate patologie. L’importante è sempre fare in modo che possa dare libero sfogo alla sua voglia di giocare e di correre. Insomma, il segreto è assecondare la sua natura. Se siamo persone con poco tempo libero, quindi, e non possiamo dedicarci adeguatamente alla cura di Fido, evitiamo di scegliere questo esemplare come amico a quattro zampe.

Si tratta di un’attenzione che non può passare in secondo piano, ne va del suo equilibrio psicofisico. Non dimentichiamo che è pur sempre un cane da caccia, con un istinto predatorio insito nel dna che ha bisogno di avere libero sfogo con una certa frequenza. Indipendentemente dal fatto che si tratti di una sessione vera e propria o di una simulata con dei giochi creati ad hoc.

L’addestramento

cane con rametto in bocca

Se segue una corretta socializzazione, il nostro amico a quattro zampe avrà una marcia in più. L’addestramento con lui non è difficile e si può fare in modo che apprenda i comandi di base necessari per una convivenza pacifica in società. Il punto di forza che dovremmo sfruttare a nostro favore è la tendenza a prendere tutto come un gioco, una peculiarità tipica degli allenamenti portati avanti dai migliori addestratori.

Una programmazione adeguata e step by step prevede l’utilizzo del clicker per il cane e il meccanismo del rinforzo positivo, in maniera tale da premiare il cane quando si comporta come gli abbiamo chiesto. Solo facendogli vivere tutto all’insegna del relax e del divertimento, possiamo essere certi di ottenere dei risultati senza creare danni psicologici. Per verificare che determinati comandi siano stati correttamente automatizzati, possiamo usare la tecnica della riprova nell’addestramento del cane.

Fortunatamente, siamo di fronte a un amico a quattro zampe fedele, se si trova bene nell’ambiente domestico, è questa la condizione che preferisce. Anzi, insieme alla sua famiglia, ottiene tutto quello che cerca e non sente l’esigenza di altro. Non ha grilli per la testa, diremmo noi bipedi, a meno che non lo costringiamo a una vita esclusivamente sedentaria e priva di stimoli.

Se non nota pericoli, accoglie gli ospiti come un perfetto padrone di casa. I problemi possono esserci in casi limite che possiamo prevedere da determinati segnali che lancerebbe prima di agire direttamente. Di norma, lo Springer Spaniel è molto facile da addestrare. Nonostante sia vivace, è raro che abbia problemi di natura comportamentale.

Vita in appartamento

cane con orecchie lunghe

Il fatto che si tratti di un cane da caccia ci dice tutto. Il suo habitat naturale è la natura e la vita all’aria aperta. L’ideale sarebbero delle gite nel bosco e la possibilità di accedere a un giardino ampio e messo adeguatamente in sicurezza. Il fatto però che sia molto legato al proprio padrone lo rende facilmente adattabile anche alla vita in casa.

L’importante è sopperire a questa mancanza naturale di movimento ed esercizio fisico con delle lunghe passeggiate, corse al parco sotto casa ed escursioni fuoriporta frequenti. Questa razza è davvero fuori dal comune e lo dimostra con la sua educazione mista all’indipendenza. Fondamentale è che l’appartamento non diventi una prigione e che sia pensato anche per accogliere un quadrupede. A tal proposito ecco come abituare il cane al kennel, affinché non lo veda solo come un mero mezzo di trasporto ma come un luogo dove sentirsi al sicuro.

L’istinto predatorio

cane anziano

Siamo di fronte a un amico a quattro zampe che ha la caccia nel sangue. Una razza più antica addirittura del Setter e del Cocker Spaniel inglesi. Come tutti gli Spaniel ha una particolarità: non ferma la selvaggina ma la scova facendola uscire allo scoperto con astuzia e abilità.

Non si stanca mai di correre, è in grado di riportare qualsiasi cosa ed è molto bravo a portare a termine i compiti che gli vengono assegnati. La sua resistenza è molto utile anche nell’addestramento all’aperto e, nonostante sia fedele, ha bisogno di un addestratore che sappia il fatto proprio.

Differenze con lo Springer Spaniel gallese

cane in autunno

Lo Springer Spaniel inglese e quello gallese, contrariamente a quanto si possa immaginare, non derivano dallo stesso ceppo. Hanno uno spirito completamente diverso e si denota soprattutto nella caccia, la condizione in cui danno il meglio di loro.

A saltare subito all’occhio è l’istinto ribelle del gallese, non a caso gli esperti lo hanno definito così: “L’inglese cerca nei cespugli per la mera gioia del suo lavoro. Il gallese si impegna soltanto quando sa che lì dentro c’è veramente della selvaggina”.

Fanno entrambi parte degli Spaniel, ma hanno origini diverse facilmente intuibili dal nome delle razze. Si sono sviluppati nello stesso periodo, ma il gallese nasce con il nome di Cocker. Nel 1902, anno di riconoscimento degli Springer, troviamo i due differenti standar di razza: l’inglese e il gallese.

Lo Springer Spaniel Club

cane da caccia inglese

Nasce nel 1977 per esaltare l’arte venatoria propria di questa razza dalle tante qualità. Ad oggi conta circa 300 soci sparsi per tutto lo Stivale. Una celebrazione messa in atto con prove e manifestazioni che servono a individuare i migliori esemplari di Springer Spaniel.

Se vogliamo adottare un amico a quattro zampe di questa razza e non sappiamo a chi rivolgerci per l’addestramento, attraverso il club è facile individuare i migliori addestratori, quelli specializzati nelle peculiarità che denotano il carattere e la conformazione fisica di Fido.

Il prezzo di un cucciolo di Springer Spaniel inglese può variare e muoversi in un range che va dai 500 ai 700 euro. Il nostro consiglio è sempre quello di affidarsi ad allevamenti riconosciti e certificati dall’Enci, Ente nazionale cinofilia italiana, in modo tale da non essere vittime delle truffe sempre più frequenti sul web. Un’informazione importante, per avere un primo elemento di riconoscimento ufficiale è il fatto che appartenga al Gruppo 8, e include i cani da riporto sia di acqua che di terra. A questo gruppo appartengono anche altre razze che hanno dei punti in comune:

  • Curly Coated Retriever;
  • Cocker Americano;
  • Lagotto Romagnolo;
  • Golden Retriever;
  • Cocker Spaniel inglese.

Al di là di quella che sarà la scelta finale, anche in base alle notizie che si reperiscono sullo Springer Spaniel, l’importante è adottare con il massimo senso di responsabilità possibile. Fido non è un peluche da mettere da parte quando non c’è tempo o non si ha voglia: è un impegno che dura tutta la vita, “finché morte non ci separi”.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati