Viaggiare con il cane: tutti i consigli utili, i pericoli da evitare e le cose da portare

Se vuoi viaggiare con il cane senza problemi e in tutta sicurezza, devi conoscere queste regole e sapere cosa mettere in valigia

Se c’è una cosa super bella della vita con Fido è organizzarsi per viaggiare con il cane, partendo per una meravigliosa avventura.

Ne traiamo beneficio sia noi che il nostro dolce amico a quattro zampe: il legame, già solido, non farà altro che rafforzarsi e Fido riceverà tutte le attenzioni di cui ha bisogno. Sempre meglio che lasciarlo a casa da solo (o col dog sitter)!

È bene informarsi per tempo, però, su tutto ciò che occorre per viaggiare con il cane in tutta sicurezza (e legalità), partendo dalle vaccinazioni obbligatorie e dai documenti richiesti. La preparazione varia in base alla destinazione prescelta e anche a seconda del mezzo di trasporto che useremo.

Indice

Cosa portare se si viaggia con il cane

valigia per viaggiare col cane

Beh, la primissima domanda da porci prima di intraprendere un viaggio con il nostro cane è la più scontata: cosa metto nella valigia di Fido? Proprio come noi bipedi, anche i quattro zampe hanno bisogno di avere con sé tutto l’occorrente per il loro benessere.

Cominciamo dalla questione-pappa che è, come ben sappiamo, essenziale per il cane. Quando partiamo per una vacanza, qualunque sia la destinazione prescelta, dobbiamo mettere in valigia la pappa e le ciotole di Fido. Non è detto che troveremo altrove ciò che è abituato a mangiare e non possiamo mica imporgli un cibo che non gradisce!

Meglio acquistare delle ciotole pieghevoli, di quelle adatte proprio al trasporto e ai viaggi, così come le borracce per l’acqua in modo tale da poterlo fare rifocillare senza troppi problemi quando, ad esempio, viaggiamo in macchina o in nave per lunghi tragitti.

Non dimenticate, poi, i sacchetti igienici per raccogliere i bisogni di Fido, incluse le traversine da mettere nel trasportino (essenziale in treno, aereo e praticamente per qualsiasi tipo di viaggio), e gli accessori per la toelettatura. Il pelo di Fido non va mica in vacanza!

Ma non finisce qui, occorre mettere nella valigia di Fido altre cose che non possono proprio mancare in viaggio.

Microchip e passaporto

passaporto per viaggiare col cane

Qualsiasi sia il luogo che si desidera visitare, una corretta identificazione è alla base di un viaggio senza intoppi e pensieri. Sono obbligatori quindi microchip e passaporto.

Il passaporto, inoltre, può sostituire il libretto sanitario perché al suo interno vengono riportate le vaccinazioni e i farmaci che sono stati somministrati al cane. Se si viaggia in Italia non è obbligatorio, ma non dimentichiamo mai il libretto sanitario e l’iscrizione all’anagrafe canina.

Vaccinazioni obbligatorie (e non)

pastore tedesco fa la vaccinazione per viaggiare

La vaccinazione contro la rabbia è sempre obbligatoria, qualsiasi paese la richiede appena varcata la frontiera. Se il cane non è stato già vaccinato bisognerà pensarci in anticipo perché la data del timbro (e quindi del vaccino stesso) deve essere anteriore di almeno tre settimane a quella della partenza. È un vaccino inattivato che ci mette un po’ di tempo a entrare in circolo e a formare anticorpi.

Per alcuni Paesi non sono sufficienti vaccino e timbro: è richiesta anche la titolazione degli anticorpi vaccinali della rabbia. Si tratta di un’analisi del sangue da fare almeno tre settimane dopo la vaccinazione. Serve a stabilire se il vaccino è stato efficace e se il cane ha sviluppato una quantità sufficiente di anticorpi, così da non potere né contrarre né trasmettere la malattia.

Il resto delle vaccinazioni dipende dal paese che si sceglie come destinazione. In genere però tutti esigono quelle che proteggono dalle malattie più comuni: cimurro, parvovirosi, epatite e leptospirosi.

Anche se non sempre necessario, il veterinario consiglia di vaccinare il nostro amico a quattro zampe contro la tosse dei canili. È bene farlo prima di un viaggio stressante, che prevede il contatto con nuovi ambienti e (verosimilmente) animali mai incontrati prima. Fido infatti sarà maggiormente esposto a malattie contro le quali non ha sufficienti difese immunitarie.

I vaccini sono efficaci a partire da pochi giorni dopo la somministrazione (tranne casi specifici quali la rabbia precedentemente descritta). Sarà quindi necessario vaccinare il cane con tre o cinque giorni di anticipo rispetto alla data del viaggio, così da avere il libretto perfettamente in regola.

Anche se non è obbligatorio, si consiglia di salvaguardare il cane contro le malattie più comuni: proteggerlo è importante tanto quanto rispettare la legge del Paese di destinazione.

Gli antiparassitari

cane mette l'antiparassitario prima di viaggiare

Il passaporto del cane ha un paragrafo specifico per gli echinococchi. Questi parassiti sono una tenia che causa la zoonosi, potenzialmente rischiosa anche per l’uomo. I cani sono ospiti momentanei, ed è questa la ragione per cui molti paesi esigono che vengano somministrati loro degli antiparassitari per combatterla (non meno di tre giorni prima della partenza).

Qualora il cane dovesse avere pulci e zecche sarà il veterinario a indicarci una fialetta o una pastiglia per combattere i parassiti esterni in previsione del viaggio. Questo indipendentemente dal fatto che il cane sia stato soggetto al trattamento da poco tempo o meno.

Il certificato di salute 

veterinario controlla il cane prima di un viaggio

Il veterinario rilascerà un certificato di salute: un documento ufficiale che garantisce che il cane sia stato visitato massimo tre giorni prima del viaggio e che assicura l’assenza di qualsiasi sintomo legato a malattie infettive. Vengono allegate anche le vaccinazioni effettuate e indicato quando è stato effettuato il trattamento per prevenire tenie e altri parassiti.

Il veterinario dovrà verificare lo stato delle mucose, dei gangli linfatici, dell’udito e della vista. Dovrà inoltre auscultare cuore e polmoni, verificare che non siano presenti eventuali lesioni della pelle e qualsiasi altro tipo di malattia in atto.

Viaggiare con il cane al mare

viaggiare con il cane al mare

Tutte le cose che abbiamo elencato sono essenziali se vogliamo viaggiare con il cane, a prescindere dalla destinazione di arrivo. Ma per ogni viaggio ci sono delle esigenze specifiche di cui dobbiamo tenere conto, non dimentichiamolo!

Quando partiamo per le vacanze al mare, ad esempio, dobbiamo appurare che la spiaggia prescelta sia dog-friendly, che cioè accolga i nostri amici a quattro zampe senza problemi. Per fortuna ultimamente si sono moltiplicate e non sarà per voi difficile trovarne una.

Ricordate di proteggere la pelle di Fido con un’apposita protezione solare, specialmente se si tratta di un cane con il pelo molto corto, e portate un ombrellone per consentirgli di sostare all’ombra. Evitate sempre le ore più calde (anche per voi, eh!) e portate acqua e ciotola per abbeverarlo. Il rischio di disidratazione e colpo di sole è dietro l’angolo!

Per i cani che amano nuotare, non c’è cosa più bella di una vacanza al mare. Ma attenzione ai possibili pericoli: l’acqua è tanto bella quanto pericolosa, perciò tenete Fido sempre sott’occhio e non lasciatelo mai da solo quando fa il bagno. Meglio ancora se vi procurate un giubbotto salvagente, specialmente per i cani di taglia più piccola che hanno meno resistenza nel nuoto.

Viaggiare con il cane in montagna

ragazzo con i suoi cani in montagna

La montagna è un’altra meta super bella per i nostri amici a quattro zampe, sia in estate che in inverno! Anche qui non mancano hotel e strutture dog-friendly, campeggi inclusi, perciò fate una bella ricerca e scegliete quella che meglio si confà alle esigenze di Fido e di tutta la famiglia.

Premesso ciò, passiamo agli essenziali da mettere in valigia per Fido. Sia in estate che in inverno il sole in montagna picchia, perciò munitevi di un’apposita protezione solare se il vostro cane è a pelo corto. Il terreno può essere scosceso e le zampe rischiano di ferirsi, quindi per le gite e le passeggiate più avventurose acquistate delle scarpette per cani che proteggano dita e cuscinetti. Anche sulla neve sono essenziali, per evitare ustioni!

Se la giornata è particolarmente fredda oppure piove, mettete in valigia anche qualche capo d’abbigliamento pensato apposta per i cani come maglioni, felpe o impermeabili anti-pioggia. Sono accessori utilissimi per proteggere Fido dalle basse temperature!

Viaggiare con il cane in macchina

viaggiare con un cane in macchina

Se vi accingete a vivere un’avventura on the road con il vostro amico a quattro zampe, dovete conoscere le regole (e rispettarle). Non sono semplici “imposizioni”, ma il modo più semplice ed efficace per tenere Fido al sicuro dentro l’abitacolo.

Innanzitutto fate in modo che vi sia sempre un ricambio d’aria in macchina, specialmente in estate quando fa molto caldo. In questo caso è utile tenere l’aria condizionata accesa, senza esagerare però (evitate un eccessivo sbalzo termico!). In macchina è bene tenere il cane nell’apposito trasportino se è di taglia piccola e nella parte posteriore (o nel portabagagli), appositamente separati dal posto guida con un kennel o una rete divisoria. Non dobbiamo mai lasciarlo libero di gironzolare nell’abitacolo, potrebbe essere molto pericoloso!

Vi consigliamo, inoltre, di avere sempre ciotola e acqua fresca a disposizione e, specialmente se il cane soffre il mal d’auto, tenetelo a digiuno già da qualche ora prima della partenza. Concordate eventualmente con il veterinario il farmaco specifico da somministrargli per alleviare i sintomi e la nausea.

Viaggiare con il cane in aereo

viaggiare con un cane nella cabina dell'aereo

Per viaggiare in aereo con il cane non possiamo fare un discorso generico. In linea generale le compagnie accettano senza problemi i nostri amici a quattro zampe, a patto di seguire alcuni protocolli standard di sicurezza, leggermente variabili.

I cani di taglia piccola possono viaggiare direttamente in cabina, posti in un trasportino morbido o semi-rigido e tenuti ai piedi del sedile. Quelli di taglia grande, invece, devono stare in un trasportino o un kennel rigidi e resistenti, delle dimensioni indicate dalla compagnia aerea, viaggiando rigorosamente in stiva. Per i cani guida il discorso cambia perché possono viaggiare senza problemi in cabine, qualunque sia la loro dimensione, e non pagano neanche il prezzo del biglietto!

LEGGI ANCHE: Vacanze pet friendly, come organizzarle step by step

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati