Mettere il campanello al collare del cane: sì o no?

Mettere un campanello al collare del cane è una pessima idea. Non ha alcuna utilità e può trasformarsi in un pericolo molto serio per il nostro amico a quattro zampe

Se state pensando di mettere un campanello al collare del cane, vi diciamo subito che è una pessima idea. Sicuramente sono molto gradevoli a vedersi, ma l’uso di pendagli che producono suoni attaccati ai collari dei cani è fortemente sconsigliato.

Probabilmente vi sarà capitato di pensare ad un campanello al collare del cane come regalo per il vostro pelosetto. Un oggettino apparentemente innocuo e in certi casi molto chic. L’ultimo tassello per rendere il vostro amico a quattro zampe ancora più adorabile. Così facendo però potreste causargli seri danni alla salute.

È utile mettere un campanello al collare del cane?

Mettere il campanello al collare del cane: sì o no?

Il primo motivo che viene in mente se si pensa ad un campanello al collare del cane è che sia davvero carino. Lo è per noi umani, o almeno per alcuni, ma il cane non ne trae alcun beneficio. Anzi per lui potrebbe rivelarsi molto pericoloso.

Qualcuno ritiene invece che un campanellino attaccato al collare del cane sia un segno di attenzione. Se il nostro amico a quattro zampe dovesse allontanarsi e perdersi, potremmo rintracciarlo più facilmente con un oggetto rumoroso attaccato al suo collo. Basterebbe che camminasse, o meglio ancora corresse, per riuscire ad individuarlo seguendo il suono del pendaglio.

C’è solo un caso in cui un campanello attaccato al collare del cane viene utilizzato per l’addestramento. È quello che avviene con i cani da caccia. Durante una battuta di caccia, infatti, potrebbe capitare che il cane, addentrandosi nei boschi alla ricerca della selvaggina, si perda o rimanga impigliato in qualche buca nel terreno. Con un campanellino attaccato al suo collare, il proprietario può trovarlo più facilmente e dargli l’aiuto di cui ha bisogno.

In commercio esistono anche dei campanelli che si possono attaccare e staccare dal collare del cane. Alcuni formatori e allevatori li utilizzano per addestramenti di sopravvivenza sul campo e in caso di operazioni di salvataggio o escursioni all’aperto. Anche un questo caso, il suono permetterebbe di rintracciare più facilmente un cane in difficoltà. Inoltre il fatto che spesso questi accessori siano colorati permetterebbe anche di identificare meglio il cane.

In realtà il campanello al collare del cane può risultare un accessorio davvero rischioso. Il cane potrebbe perdersi o impigliarsi in sterpaglia o ancora in filo spinato proprio a causa dei danni procurati dal suono. Inoltre sembra che alcuni cacciatori abbiano avuto l’impressione che i cani da caccia, senza il campanello attaccato al collare, riescano a fiutare meglio la cacciagione.

Ma prima di andare così lontano, basti pensare che il vostro pelosetto potrebbe semplicemente trovare fastidioso quell’oggetto. Per non parlare del pericolo che si stacchi e venga ingerito. Gioca a favore del campanello il fatto che oggi se ne trovino tanti fatti di un materiale non tossico, ma sarebbe comunque un rischio per il cane.

Sono diversi i fattori per cui legare un pendaglio rumoroso al collare del nostro cane sia pericoloso. Vediamo quindi insieme perché è fortemente sconsigliato l’uso del campanello al collare.

Un campanello al collare del cane è fonte di stress

Mettere il campanello al collare del cane: sì o no?

È vero che animali e umani hanno molte differenze, ma ci sono anche elementi che ci accomunano. Fermatevi un attimo a pensare come vi sentireste a vivere con un campanellino attaccato addosso che fa rumore ad ogni vostro minimo movimento.

Se all’inizio può sembrare carino, siamo sicuri che dopo un poco vi stanchereste. Anche il cane può provare un profondo fastidio con un campanello attaccato al suo collare. Il fatto che non possa muoversi silenziosamente in libertà sarebbe per lui una fonte di stress. E, ancora una volta come succede per gli umani, lo stress influisce negativamente anche sulla salute dei nostri amici a quattro zampe.

Il costante suono del campanello rende il cane irrequieto e spesso manifesta anche aggressività da stress. Inoltre tende ad abbaiare con un tono molto alto come se ci volesse comunicare che sta vivendo una situazione sgradevole della quale farebbe volentieri a meno.

Il campanello può causare problemi neurologici al cane

Mettere il campanello al collare del cane: sì o no?

Il rumore del campanello può causare fastidio e stress al cane, ma fonti forti e costanti potrebbero anche portare a problemi neurologici molto seri.

Probabilmente in un primo momento noteremmo nel nostro amico a quattro zampe solamente un senso di agitazione e irrequietezza. Questo, man mano, potrebbe degenerare in aggressività e smarrimento. Il cane non riuscirà a darsi pace finché, con la rottura del timpano non sentirà più alcuno suono. Ecco perché abbiamo detto che probabilmente, durante la caccia, il cane si è perso a causa del campanello attaccato al suo collare. Infatti in molte città il campanello al collare del cane è stato vietato. Verona è stata la città capofila in questa direzione.

La sicurezza del cane non deve venire meno, anche nelle situazione più estreme, durante escursioni e operazioni di salvataggio. Se temiamo che il nostro pelosetto possa perdersi, invece di legare un pendaglio sonoro al suo collare, sarebbe meglio utilizzare un collare con led o con il Gps incorporato. Così potremmo stare sicuri di rintracciarlo in caso di bisogno, senza intaccare la sua salute.

Il rumore del campanello al collare rende il cane sordo?

Mettere il campanello al collare del cane: sì o no?

In molti si chiedono se il suono del campanello al collare del cane possa farlo diventare sordo. La risposta è sì. Con il passare del tempo, infatti, si può arrivare addirittura alla rottura del timpano e alla sordità.

Il motivo qui è semplice. Tutti sanno, infatti, che i cani sono capaci di percepire con le loro orecchie gli ultrasuoni. Spieghiamoci usando la fisica. L’orecchio umano riesce a percepire suoni fino a circa venti kHz. Il cane invece ha un udito in grado di percepire suoni che vanno oltre la soglia dei 20kHz. Possono infatti arrivare fino a 40kHz.

I cani hanno la capacità di indirizzare i padiglioni auricolari verso la fonte del suono. Questo permette loro, per esempio, di individuare facilmente le prede durante la caccia, anche quando queste si trovano a grandi distanze. Inoltre, più le orecchie sono alte e grandi, più assolvono alla loro funzione di antenne direzionali e riescono quindi a captare una maggiore quantità di suoni.

Fatta questa breve premessa, provate ad immaginare il rumore che riesce a percepire il cane quando la fonte – cioè il campanellino attaccato al suo collare – è così vicina alle orecchie. Tra l’altro un rumore che si presenta ad ogni suo movimento. Il timpano è sovrastimolato e con il tempo può lesionarsi o addirittura rompersi, portando il cane alla completa sordità.

 

 

Articoli correlati