Cane e visite veterinarie: quali sono i controlli di routine per Fido?

Le visite veterinarie per un cane non possono mancare, da cucciolo e nel resto della sua vita. Ecco cosa sapere per mantenere Fido felice e in salute

La salute di Fido deve sempre avere la priorità. Da quando lo adottiamo e lungo il suo percorso di crescita, il cane deve fare delle visite veterinarie ben precise che nel tempo devono diventare di routine. Il veterinario in tal senso diventa il nostro più valido alleato, la persona a cui fare riferimento ogni volta che notiamo che in Fido qualcosa non va. Ma anche semplicemente per tenere le sue condizioni di salute sotto controllo, per adottare delle misure di prevenzione nei confronti di alcune malattie (vedi vaccinazioni) e garantire al cane una vita lunga, sana e felice. Vediamo allora quali visite veterinarie deve fare il cane quando è cucciolo e poi nel corso della vita, con regolarità e tanta dedizione da parte di ciascun padroncino.

Prima visita veterinaria per il cucciolo di cane

Cane e visite veterinarie: quali sono i controlli di routine per Fido?

Il cane deve fare le prime visite veterinarie da cucciolo. Diamogli il tempo di ambientarsi a casa, dopodiché prendiamo appuntamento dal veterinario. La prima visita di Fido è sempre molto emozionante sia per il cane che per il padroncino. Probabile vederlo un po’ nervoso ma è assolutamente normale. Del resto si ritrova fuori dalla casa che ha appena imparato a conoscere, in un nuovo ambiente e circondato (e toccato) da persone che non ha mai visto prima.

Le visite veterinarie per i cuccioli di cane sono fondamentali. Aiutano a identificare eventuali infezioni o malattie, ma soprattutto risolvono immediatamente il problema delle parassitosi che per i cuccioli possono essere molto pericolose. Per la prima visita è meglio prendere appuntamento la mattina presto, in modo da evitare la presenza di troppe persone e animali. Anche perché se Fido non è ancora stato vaccinato deve stare alla larga da qualsiasi potenziale fonte di contagio.

Durante il primo controllo dobbiamo portare tutti i documenti in nostro possesso, come ad esempio quelli rilasciati dal canile o dall’allevamento in cui abbiamo preso Fido. Dopodiché dobbiamo seguire le indicazioni del veterinario, che pianificherà le altre visite per controlli e richiami dei vaccini.

Visite per il cucciolo di cane

Cane e visite veterinarie: quali sono i controlli di routine per Fido?

Ma un cucciolo di cane che tipo di visite veterinarie deve fare? E quante volte dobbiamo portarlo dal veterinario? Naturalmente per rispondere a queste domande dobbiamo sempre tener conto della situazione specifica. Se il cagnolino ha problemi particolari è ovvio che avrà bisogno di visite più frequenti, specialmente se il veterinario deve somministrargli dei particolari cicli di farmaci. In linea generale dopo la prima visita, Fido dovrebbe andare dal veterinario almeno una volta all’anno. Questa è la cadenza per il richiamo delle vaccinazioni, che diventa quindi un’occasione per un controllino.

Se il cagnolino è un po’ restio quando si tratta di andare dal veterinario, cerchiamo di dargli una mano. Le visite non dovrebbero mai essere esperienze traumatiche per il nostro quattro zampe, ma un momento serio e di svago allo stesso tempo. Abituiamolo già in casa alla routine di toelettatura e controllo. Questo lo aiuta a “sopportare” meglio tutti i maneggiamenti del veterinario, rendendolo meno nervoso quando lo prende in braccio o tocca parti delicate come la bocca, i denti, gli occhi e le orecchie.

La visita-tipo per un cucciolo è molto semplice. Il veterinario controlla tutto il suo corpicino prestando particolare attenzione alla bocca (quindi ai denti), alle orecchie (dove possono annidarsi acari e parassiti) e anche agli occhi, che sono una zona molto delicata e soggetta a infezioni.

Vaccinazioni da fare al cane

Cane e visite veterinarie: quali sono i controlli di routine per Fido?

Fare le vaccinazioni al cane è di fondamentale importanza per proteggere la sua salute, da cucciolo come da adulto. Le visite veterinarie certe e da programmare sono proprio quelle in cui il veterinario deve vaccinare Fido, perché ogni vaccinazione ha bisogno del suo richiamo. Ci sono delle indicazioni di base da seguire in tal senso e cel e fornisce l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani. Dal momento che i cuccioli di cane fino alla sesta settimana di vita sono ancora protetti dal latte della mamma, le vaccinazioni vanno fatte dopo, tra le 6 e le 8 settimane.

In questo lasso di tempo il cucciolo dovrebbe esser vaccinato contro cimurro, epatite infettiva canina, parvovirosi con i relativi richiami. Ci sono anche altre vaccinazioni molto importanti, alcune delle quali non obbligatorie ma necessarie in base alla zona e all’ambiente in cui vive Fido. In Italia generalmente le vaccinazioni si dividono in obbligatorie e non obbligatorie, anche se sarebbe meglio dire raccomandate e non raccomandate. Ecco quelle attualmente disponibili:

  • Parvovirosi;
  • Cimurro;
  • Leptospirosi;
  • Epatite infettiva;
  • Leishmaniosi;
  • Rabbia.

Affidiamoci sempre alle indicazioni del veterinario per non sbagliare e dare al cane tutta la protezione di cui ha bisogno.

Costo delle visite veterinarie del cane

Cane e visite veterinarie: quali sono i controlli di routine per Fido?

Parlando di cane e visite veterinarie non può che venire in mente una domanda: quanto costano? Adottare un quattro zampe significa donare una casa e il calore di una famiglia a un cagnolino, ma vuol dire soprattutto prendersene cura al meglio. E per farlo dobbiamo mettere in conto che ci sono soldi da spendere, se vogliamo assicurarci che abbia tutto ciò di cui ha bisogno. Se le prime spese riguardano ciotole, pappa e accessori di base come collare e guinzaglio, a queste dobbiamo aggiungere anche quelle per le visite veterinarie di routine, per le vaccinazioni e per altri eventuali esami richiesti dal veterinario.

In genere per la prima visita del cucciolo si spende un po’ di più rispetto a una normale visita di routine. Ciò accade perché, oltre a fare un controllo generale del cagnolino, il veterinario deve fare la sverminazione e mettergli il microchip. Quindi è ovvio che il prezzo lieviti un pochino, in media per la prima visita possiamo spendere intorno ai 60 euro. Invece le altre visite veterinarie di routine per il cane, da effettuare una volta all’anno, hanno un costo che si aggira intorno ai 30 euro, praticamente la metà. Naturalmente anche una semplice visita di routine può variare prezzo, perché tutto dipende sempre dalle condizioni di salute specifiche di Fido e dalla richiesta da parte del veterinario di esami più approfonditi quando lo ritenga opportuno.

Mediamente le vaccinazioni del cane hanno un costo (singolo) di 40 euro, ma considerate che a parte le prime due dosi che devono esser fatte a distanza ravvicinata tutte le altre poi si fanno solo una volta all’anno. Non possiamo dare un listino prezzi esatto al cento per cento, ma almeno in questo modo ci possiamo fare un’idea di quanto costi effettivamente prendersi cura di un cane. E valutare se sia il caso di adottarne uno, in base ai mezzi di cui disponiamo.

Veterinario a basso costo

Cane e visite veterinarie: quali sono i controlli di routine per Fido?

Per chi accudisce un cane le visite veterinarie sono un bel “peso” in fatto di spese e costi. Non possiamo negarlo, proprio come le persone anche i quattro zampe hanno bisogno di cure specifiche e controlli di routine che non possiamo assolutamente saltare. Cercare di risparmiare qualche soldino non è un reato, anzi è assolutamente normale voler fare un po’ di economia. Ma teniamo presente che se una prestazione del veterinario ha un costo ben preciso ci sono dei motivi, non è di certo casuale. Dobbiamo mettere nel conto diversi elementi che contribuiscono a far lievitare il prezzo della visita: costo dei farmaci e materiali utilizzati, costi di gestione della clinica o dello studio. Tutto naturalmente fa media e influisce sul prezzo finale.

Non dimentichiamo, poi, che i veterinari non sono pagati dallo Stato e guadagnano effettivamente solo in base alle singole prestazioni. Purtroppo c’è un piccolo punto che talvolta contribuisce a far alzare i prezzi per le visite veterinarie del cane ed è che non esiste più il cosiddetto tariffario minimo. In buona sostanza ciò significa che ciascun veterinario non è obbligato a mantenere i costi entro un certo limite.

Ci sono veterinari che costano meno di altri, basta cercare e farsi consigliare da qualcuno che ha già avuto a che fare con cagnolini o altri animali. In ogni caso ricordate sempre che i veterinari sono i dottori di Fido, professionisti preparati che spendono tutta la loro vita per salvare la vita dei quattro zampe. E questa professionalità ha un costo.

Articoli correlati