Fortekor per cani: cos’è, a cosa serve e tutto ciò che bisogna sapere

Fortekor è un farmaco per cani che il veterinario usa nel trattamento dell'insufficienza cardiaca congestizia. Ecco quel che dobbiamo sapere

cane piccolo

Fortekor per cani è un farmaco a base del principio attivo benazepril cloridrato. Appartiene ai cosiddetti inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE – Angiotensin Converting Enzyme) e si usa nel trattamento dell’insufficienza cardiaca congestizia nei cani. Questo farmaco si acquista sotto forma di compresse solo ed esclusivamente sotto la prescrizione del veterinario.

Fortekor per cani: composizione e posologia

Fortekor per cani: cos'è, a cosa serve e tutto ciò che bisogna sapere

Fortekor per cani è disponibile nelle farmacie in blister da 28 compresse aromatizzate. Ogni compressa contiene 2,5 mg dl principio attivo benazepril cloridrato e si somministra per via orale, una volta al giorno. Non ci sono particolari indicazioni sulla somministrazione e possiamo darle a Fido sia a stomaco pieno che vuoto. Le compresse sono aromatizzate perciò dovrebbero essere appetibili per i nostri quattrozampe. Non sarà un’impresa impossibile darle a Fido!

La dose minima consigliata di Fortekor per i cani è di 0,5 mg per ogni kg di peso corporeo. In particolare si consigliano mezza o una compressa di Fortekor per cani che pesano da 2,5 a 5 kg e una o due compresse per cani che pesano da 5 a 10 kg. Il dosaggio deve essere stabilito dal veterinario che in caso di cani con insufficienza cardiaca congestizia può raddoppiare la dose.

Benazepril: tutto sul principio attivo di Fortekor

Il principio attivo alla base del Fortekor per cani è il benazepril. Questo appartiene alla famiglia degli ACE-inibitori, ovvero farmaci che si usano soprattutto nelle terapie contro l’ipertensione arteriosa, il post-infarto e l’insufficienza cardiaca cronica. Il benazepril – come il ramipril, il perindopril e il lisinopril .- agisce inibendo l’enzima di conversione dell’angiotesina, che regola la pressione artesiosa.

Avvertenze, controindicazioni e possibili effetti collaterali

Fortekor per cani, come tutti i farmaci, ha delle avvertenze speciali di cui il veterinario deve tener conto prima di somministrarlo a Fido. L’efficacia del farmaco è testata per cani di almeno 2,5 kg. Quindi non dobbiamo farlo ingerire a cani di peso inferiore, per i quali l’efficacia non è confermata.

Se Fido soffre di insufficienza renale cronica il veterinario deve valutare attentamente se sia il caso o meno di usare questo farmaco eseguendo esami e test specifici. Nei cani con insufficienza cardiaca congestizia Fortekor si può usare contemporaneamente ad altri farmaci come digossina, diuretici, pimobendan e prodotti anti-aritmici. In questi casi non sono mai state registrate reazioni avverse. Alcuni cani con insufficienza cardiaca congestizia possono manifestare vomito o affaticamento durante il trattamento.

Fortekor non si deve usare nei cani allergici o ipersensibili al principio attivo benazepril. Gli studi sul farmaco, inoltre, sconsigliano fortemente questo farmaco per i cani con ipotensione (pressione sanguigna bassa), ipovolemia (volume del sangue ridotto) o insufficienza renale acuta. Non va usato neanche nei cani con stenosi aortica o polmonare, né su quelli in gravidanza o allattamento.

Insufficienza cardiaca congestizia nei cani: cosa sapere

Fortekor per cani: cos'è, a cosa serve e tutto ciò che bisogna sapere

Come anticipato, il Fortekor si usa per il trattamento dei cani con insufficienza cardiaca congestizia. Si tratta di una condizione particolare conseguenza di una patologia cardiaca, quindi non di una malattia vera e propria. Un cane con insufficienza cardiaca congestizia ha un cuore malfunzionante, che non riesce a pompare il sangue come dovrebbe. Pertanto il sangue inizia ad accumularsi in altre zone del corpo come fegato, polmoni, zampe.

L’insufficienza cardiaca congestizia può avere diverse cause come la miocardiopatia dilatativa, quando cioè i muscoli cardiaci sono deboli e si dilatano non riuscendo a compiere i loro naturali movimenti. Può essere anche la conseguenza di deficit delle valvole cardiache o difetti delle pareti del cuore, o ancora di aritmie cardiache e aumento della pressione sanguigna. Talvolta l’insufficienza cardiaca congestizia è provocata da un tumore.

Un cane affetto da questa condizione può manifestare diversi sintomi come tosse, dispnea, cianosi delle mucose, distensione addominale. Tra gli altri sintomi comuni troviamo anche letargia e intolleranza all’esercizio fisico, oltre alla perdita di peso e di massa muscolare. Nei casi più gravi l’insufficienza cardiaca congestizia provoca nel cane collasso e perfino la morte improvvisa.

In caso di insufficienza cardiaca congestizia il veterinario deve elaborare una terapia per il cane, che può includere appunto il Fortekor per cani. Naturalmente tutto dipende dalla diagnosi e dai disturbi specifici da cui Fido è afflitto. La cosa importante è che il cane sia sempre tenuto sotto controllo e che migliori di conseguenza anche il suo stile di vita. Fido in questi casi ha il cuore molto debole e non può fare grandi sforzi fisici. Deve mangiare alimenti sani e che non gli facciano male, soprattutto deve diminuire il sale nei pasti. Questo contribuisce a mantenere la pressione arteriosa entro limiti accettabili.

Dare le compresse al cane: qualche consiglio utile

Fortekor per cani: cos'è, a cosa serve e tutto ciò che bisogna sapere

Le compresse di Fortekor per cani sono aromatizzate, perciò non hanno un brutto sapore come la gran parte delle medicine. Grazie a questo dettaglio somministrarle a Fido non dovrebbe essere affatto un problema, anche se sappiamo bene che i cani non fanno troppe storie quando si tratta di ingerire qualcosa!

Possiamo provare a dargli le compresse come se fossero dei semplici snack, e in teoria dovrebbe accettarle senza problemi. Se così non fosse, possiamo passare al metodo più classico per dare le pillole e le compresse a un cane, ovvero metterle direttamente in bocca. Se restiamo calmi e tranquilli, senza stressarlo o agitarlo, state certi che Fido non esiterà a “subire” questa operazione. Prepariamo in anticipo tutto ciò che ci occorre scegliendo una location adatta, dopodiché con pochi e piccoli movimenti eseguiamo tutti i passaggi per dargli la compressa.

In questi casi l’ideale è cercare di rilassare Fido prima di dargli la medicina con una breve sessione di coccole e carezze. Alcuni padroncini si servono anche dei giochi, in modo da distrarlo e stancarlo anche un pochino. Che si tratti di coccole o di giochi, tutte queste azioni rendono il cane felice e lo fanno sentire al sicuro. A questo punto quando Fido è pronto possiamo passare alla vera e propria somministrazione della compressa, possibilmente facendolo sedere con la schiena rivolta a un muro o una parete. In questo modo evitiamo che indietreggi quando ci avviciniamo con la medicina!

Non dobbiamo far altro che aprire la bocca del cane premendo con pollice e indice sulle due guance, applicando una pressione leggera senza esagerare. In questo modo Fido apre la bocca spontaneamente indietreggiando con la testa, perciò possiamo mettergli la compressa direttamente sulla lingua, chiudergli la bocca e aspettare che deglutisca.