Ipercloremia nel cane: in cosa consiste e come trattarla

Cosa determina e cosa caratterizza l'ipercloremia nel cane? Ecco di cosa si tratta, quali sono le cause e sintomi di questo disturbo

cane che beve

L’ipercloremia nel cane è un condizione caratterizzata da livelli anomali di cloruro nel sangue. Il cloruro è un elettrolita che svolge un ruolo fondamentale all’interno del corpo di Fido. Ecco perché i suoi livelli devono essere stabili.

Leggiamo in quest’articolo quali sono le cause e i sintomi di questo disturbo e come è possibile trattarlo.

Cos’è l’ipercloremia?

L’ipercloremia nel cane è una patologia che si riferisce a livelli troppo levati di cloruro nel sangue. Il cloruro è un elettrolita e come tutti gli elettroliti svolge un ruolo fondamentale all’interno del corpo del cane.

Ipercloremia nel cane: in cosa consiste e come trattarla

Il cloruro infatti è in parte responsabile del metabolismo per la trasformazione del cibo in energia. Livelli elevati di cloruro nel sangue si possono osservare solitamente nei cani che soffrono di malattie renali, diabete o attacchi di diarrea.

In genere gli elettroliti aiutano a mantenere in salute le funzionalità del cuore e del sistema nervoso, l’equilibrio dei fluidi e il rilascio di ossigeno.

Cause

Le cause che provocano l’ipercloremia nel cane e quindi livelli insoliti di cloruro nel sangue sono le seguenti:

Ipercloremia nel cane: in cosa consiste e come trattarla

  • Diarrea e/o vomito
  • Eccessiva somministrazione di fluidi contenenti cloruro di sodio
  • Mancanza di accesso all’acqua per un lungo periodo di tempo
  • Elevata perdita di liquidi attraverso le urine (condizione spesso osservata in associazione con il diabete)
  • Disidratazione
  • Ingestione orale di cloruro

Sintomi

I sintomi più frequenti che caratterizzano l’ipercloremia nel cane sono i seguenti:

Ipercloremia nel cane: in cosa consiste e come trattarla

  • Aumento della sete e quindi consumo eccessivo di acqua
  • Confusione mentale
  • Convulsioni
  • Coma

Diagnosi

Per effettuare una corretta diagnosi di ipercloremia nel cane il veterinario chiederà a quando risalgono i primi sintomi per poi procedere con un test di laboratorio di routine composto da un emocromo completo, un profilo biochimico e un’analisi delle urine.

Ipercloremia nel cane: in cosa consiste e come trattarla

Nel caso in cui si fosse in presenza del disturbo attraverso il profilo biochimico emergeranno livelli anomali di cloruro, spesso associati a livelli elevati di sodio, e nei casi in cui ci sia anche un caso di diabete nel cane, anche elevati livelli di zucchero.

Dall’analisi delle urine invece è possibile individuare anche malattie a carico dei reni.

Trattamento

Per i cani disidratati a causa dell’ipercloremia per prima cosa viene consigliato un riequilibrio dei liquidi. Successivamente il trattamento prevede la correzione dei livelli di cloruro e sodio nel sangue. Se invece l’ipercloremia è stata causata da farmaci, questi verranno immediatamente sospesi.

Ipercloremia nel cane: in cosa consiste e come trattarla

Nel caso in cui l’aumento del cloruro sia causato dal diabete, prima si dovranno ristabilire i livelli di zucchero nel sangue. Malattie renali o endocrine invece potrebbero richiedere il consulto di uno specialista.