Razze di cani nani che non crescono: i più piccini e adorabili

I cani nani che non crescono, carattere permettendo, sono perfetti per chi vive in appartamento e non può concedere ampi spazi al quattrozampe

I cani nani che non crescono, tra le innumerevoli razze che il panorama canino offre, sono davvero versatili e infondono un senso di tenerezza in chiunque abbia la fortuna di incontrarli.

La scelta dell’esemplare da adottare non deve ricadere solo ed esclusivamente su questioni meramente estetiche: prima di tutto dobbiamo essere certi di essere pronti moralmente ed economicamente a prendere un impegno che sia finché morte non ci separi. L’abbandono non può essere considerata un’opzione.

Spaniel giapponese

cane spaniel giapponese

Conosciuto anche con il nome di Tchin, è tra i cani nani che non crescono ed è una razza particolarmente apprezzata dalla casta imperiale del Paese del Sol levante sin dai tempi antichi. Da sempre considerato un amico a quattro zampe brillante, allegro e buffo, ama giocare e avere a disposizione i propri spazi.

Entra di diritto in questa lista in miniatura perché le sue dimensioni sono particolarmente ridotte: è lungo circa 30 centimetri e pesa tra i tre e i quattro chili. Uno scricciolo, insomma.

West Highland White Terrier

Anche in questo caso c’è un tenero nomignolo: Westie. Si tratta di un terrier bianco, in precedenza impiegato come cane da caccia a conigli e volpi. Nonostante sia piccolino, è molto robusto e forte.

Lo standard di razza prevede un’altezza al garrese di 28 centimetri e orecchie dritte e triangolari. Il naso rappresenta un tratto distintivo perché è completamente nero, lo sguardo appare intelligente e sveglio.

Pražský krysařík

cani Pražský krysařík

Altrimenti conosciuto come Topo di Praga, è noto proprio perché fa parte delle razze di cani nani che non crescono. Non supera i quattro chili di peso e i 23 centimetri di lunghezza. Il suo carattere è affettuoso e socievole, a tal punto da essere un esemplare perfetto per le famiglie con bambini.

Il mantello può essere color bronzo, nero o fulvo. Si tratta di un esemplare particolarmente sensibile al freddo, ecco perché è bene coprirlo quando la temperatura si abbassa e dobbiamo uscire per la passeggiata quotidiana.

Chinese crested dog

Il cane crestato cinese è un animale che appare subito molto eccentrico e originale: il suo tratto distintivo? Una cresta che impera sulla sua testolina simpatica ovviamente. È un amico a quattro zampe molto brillante che necessita di continui stimoli e di una socializzazione precoce e mirata.

Lo standard di razza prevede ch si muova in un range che va dai 23 ai 30 centimetri. Ha bisogno di non restare troppo a lungo da solo, altrimenti potrebbe iniziare a soffrire di ansia da separazione. Attenzione a recinzioni e buche: scavalcare e scavare sono le sue attività preferite.

Papillon

cane papillon

Tra le razze facili da addestrare e i cani nani che non crescono troviamo necessariamente il Continental Toy Spaniel, un esemplare che si adatta perfettamente agli spazi limitati. Questo non dipende solo dalle dimensioni, ma anche da un carattere parecchio versatile: si adatta a tutto senza soffrirne particolarmente.

Raggiunge un massimo di 28 centimetri di lunghezza e pesa meno di cinque chili. Ha un’indole docile e giocherellona, ma al tempo stesso è un quadrupede che dimostra di essere un ottimo cane da guardia. Una garanzia per la famiglia.

Chihuahua

Tra le razze più famose al mondo e che non vanno d’accordo con i bambini, troviamo lui: il Chihuahua. La sua fama la deve ad annunci e spot pubblicitari in cui primeggia il suo manto lucido e corto.

Tra i 25 e i 30 centimetri, pesa un minimo di 1,5 chili e un massimo di tre. Si mostra sempre allegro e leale, ma anche testardo e difficile da addestrare. In compenso, però ha una lunga aspettativa di vita: 20 anni.

Bassotto

cane bassotto

Lo si trova in tre diverse taglie: standard, mini e per la caccia ai conigli. La forma allungata del corpo rispetto agli arti la si deve a una mutazione genetica chiamata bassottismo, per l’appunto.

Esiste sia a pelo lungo che corto, che conserva grazie a una muta non particolarmente impegnativa. Misura circa 35 centimetri; è sempre felice, parecchio testardo e ama giocare. Cosa volere di più?

Yorkshire Terrier

Sempre tra i cani nani che non crescono, lo Yorkshire è il risultato di un incrocio tra esemplari provenienti da Scozia e Inghilterra. Il suo ruolo è quello di cane da compagnia già dall’epoca vittoriana ed è considerato un amico a quattro zampe particolarmente affascinante.

Il suo peso si aggira attorno ai tre chili e mezzo e il pelo si presenta come mix tra il marrone e il nero acceso, nonostante sia lungo e soffice non ne perde molto. Misura tra i 20 de i 30 cm, ma è un ottimo cane da guardia: costantemente vigile e in allerta.

Il carattere è esuberante, allegro e affettuoso, anche se bisogna tenere a bada le sue continue monellerie. In alcune circostanze, infine, è iperprotettivo con chi considera famiglia. Se nota un estraneo nelle vicinanze comincia ad abbaiare all’impazzata.

Maltese

cane su roccia

Per ritrovare le origini del Maltese bisogna arrivare sino in Egitto, anche se ha delle caratteristiche riscontrabili su tutto il Mediterraneo. Si tratta di un esemplare che, al garrese, non supera i 23 centimetri e che pesa quattro chili circa. Generalmente ha il pelo bianco, anche se non sono rari gli esemplari marroni.

Si tratta di un eccellente cane da compagnia perché la fase di socializzazione con lui è un gioco da ragazzi. Inoltre, possiede un’indole allegra e gli piace giocare. Anche lui è un cane ipoallergenico.

Zwergschnauzer

Forse più noto con il nome di Schnauzer nano, il motivo per cui faccia parte della lista di cani nani che non crescono è abbastanza intuitivo. Le sue origini sono da ricercare in Germania.

Nella sua versione mini misura 30 centimetri circa e non pesa più di sette chili. Ha un mantello folto e duro che lo rende particolarmente adatto a chi soffre di allergia, visto che non ne perde. La caratteristica cromatica del bianco lo fa sembrare una nuvola soffice.

Siamo di fronte a una razza sempre incline alla socializzazione, brillante e protettiva nei confronti di chi considera famiglia. Infatti, è pronto a dare l’allarme al minimo sentore che qualcosa non va. È anche facile da addestrare ed è molto agile nei numeri di magia: meglio di un’assistente bipede!

Articoli correlati