Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Cane e muro

Fido sgranocchia all’improvviso, ma il suo snack non è dei migliori: perché il cane mangia il muro? Si tratta di un comportamento molto più comune di quanto si possa pensare e riconducibile a cause sempre diverse, non per forza legate al sapore del muro stesso.

La motivazione del gesto non è causata da una carenza di sali minerali, un pensiero molto diffuso quanto sbagliato, ma è il segnale preciso di una problematica e di una condizione stressante.

Per affrontare di petto la situazione è necessario comprendere la motivazione di questo comportamento compulsivo; vediamo insieme come.

Un comportamento compulsivo

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Dunque, perché il cane mangia il muro? La sua azione potrebbe rientrare in quel gruppo di comportamenti definiti ossessivo-compulsivo, cioè ripetuti con frequenza ossessiva e continuità nel tempo.

Ad esempio rincorrere con eccessiva frequenza la coda, mordicchiarsi o leccare continuamente la stessa parte del corpo.

Se leccare e mordere pareti e superfici è sinonimo di curiosità, in particolare nei cuccioli, la ripetitività del gesto può evidenziare una problematica comportamentale di tipo ossessivo-compulsivo.

Per il bene del cane è necessario scoprire le cause che lo portano ad agire in questo modo, se di natura fisica o psicologica, e magari con il supporto del veterinario di fiducia.

Ansia da separazione

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Tra le varie problematiche che incidono sul benessere emotivo del cane possiamo individuale l’ansia da separazione, una condizione molto frequente che investe i quadrupedi senza distinzione di razza o di età.

Il cane vive l’uscita di casa dell’amico umano con incredibile disagio paragonando l’assenza ad un abbandono, che subisce come reale.

La tempistica dell’assenza è relativa, l’amico non riesce a quantificare minuti e ore, è proprio l’assenza a pesare sulla sua serenità trasformando la solitudine in qualcosa di emotivamente disagevole.

Per sfogare lo stato d’animo il cane mette in campo una serie di comportamenti distruttivi di varia natura come ad esempio morsicare le scarpe, oppure graffiare i mobili fino a mastica il muro di casa.

L’ansia da separazione è una problematica di non facile soluzione e per affrontarla è necessario comprendere le cause che scatenano il disagio ponendovi rimedio, a partire dal tempo condiviso con l’amico a quattro zampe.

Se il cane rimane da solo a lungo è necessario modificare le abitudini legate alla presenza in casa magari incentivando le attività condivise e le uscite.

Passeggiate più lunghe, maggiore attenzione durante la permanenza casalinga con l’aiuto di coccole, attività ludiche, attività sportive e interazione verbale.

Il kong potrebbe trasformarsi in un valido alleato specialmente se riempito con crocchette e da offrire durante le assenza lavorative, oppure ogni volta che il cane cercherà di mordere il muro. Distrarlo è la regola così da limitare i danni.

Noia e abbattimento

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Noia e carenza di stimoli mentali possono spingere il quadrupede a mettere in atto comportamenti distruttivi, ed ecco perché il cane mangia il muro di casa.

Anche il più placido e sedentario dei cani richiede attenzioni, cure e stimoli ludici così da scacciare l’apatia tipica della noia.

Un’insidia pericolosa che può spingerlo verso l’abbattimento dell’umore e un accumulo di stress che cercherà di eliminare attraverso la distruzione di oggetti, mobili e molto altro.

Una buona dose di gioco ed esercizio fisico giornaliero potrebbero aiutarlo a liberarsi da questo disagio.

Lunghe passeggiate, corse e salti nel prato, una ricetta utile a sfogare le energie accumulate durante la giornata rasserenando al contempo l’umore.

Ma se il comportamento compulsivo risulta radicato è bene chiedere supporto ad un esperto, magari un educatore che potrà suggerire una serie di giochi utili per attivare e stimolare la mentre.

Non solo obbedience e kong, per catturare l’attenzione del cane basterà nascondere gli oggetti che preferisce spronandolo alla ricerca oppure inserendo una pallina o un pupazzo dentro un cubo di plastica.

La voglia di estrarre l’oggetto del desiderio gli permetterà di studiare soluzioni e strategie più adatte.

Paure e timori del cane

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

La sensibilità innata di Fido potrebbe spingerlo verso paure e timori incontrollati come quello nei confronti del temporale, dei rumori, dei botti e dei fuochi d’artificio.

Qualcosa di non facile comprensione come un evento traumatico, un’esperienza negativa vissuta in un luogo particolare o il disagio verso un suono: un insieme di fattori in grado di scatenare una reazione di vero terrore.

Per scappare letteralmente da ciò che lo traumatizza il cane si muove verso una via di fuga, spesso scavando oppure mangiando mobili e pareti.

Il comportamento stereotipato potrebbe rivelarsi di risoluzione immediata, per questo è bene aiutarlo lasciandolo libero di rifugiarsi dove preferisce e avendo cura di chiudere le zone più pericolose della casa.

La compagnia del proprietario potrà calmarlo come la possibilità di masticare qualche giochino o kong, rasserenando l’atmosfera con della musica rilassante che copra i suoni che favoriscono l’ansia.

Un cane predatore

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Il quadrupede è attirato da suoni e presenze che stazionano oltre la parete, magari un altro animale oppure una persona? Ed ecco perché il cane mangia il muro.

Un comportamento in linea con il suo animo da predatore,, una caratteristica che lo contraddistingue e che lo spinge a cercare di catturare o raggiungere ciò che stuzzica la sua attenzione.

Olfatto e udito, del resto, nel cane sono sensi sviluppatissimi e per questo non dovrebbe sorprendere l’attenzione che riserva a movimenti e spostamenti impercettibili all’uomo.

Per impedire che distrugga porte e muri, magari perché preso dalla foga della cattura, si possono spruzzare profumi, odori e repellenti specifici per cani.

Una soluzione indubbiamente temporanea per una situazione che potrebbe ripetersi ossessivamente nel tempo, per questo è importante risolverla con il supporto di un esperto o con i consigli del veterinario di fiducia.

Energia da sfogare

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Molte razze sono predisposte per il gioco e il movimento continuo, per il lavoro legato al recupero di persone o di altri animali o ancora per le gare.

Sono animali con una forte necessità di sfogare la loro voglia di fare e l’energia accumulata magari durante una giornata trascorsa in solitaria.

L’incredibile potenza fisica e mentale di alcuni cani è sinonimo di grande resistenza alla fatica e alle incombenze, ma al contempo evidenzia un sovraccarico di tensione.

Un esempio classico è il Border collie grande esperto nella gestione del gregge, amante delle corse e dei salti ma anche delle attività legate al riporto e all’obedience.

Problematiche alimentari

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

La problematica comportamentale potrebbe essere riconducibile anche a una carenza di tipo alimentare, non la semplice mancanza di sali minerali e vitamine o nutrienti ma una dieta sbilanciata e forse ripetitiva.

Ecco perché il cane mangia il muro, sta mettendo in atto una strategia personale per dichiarare il disappunto verso il pasto che non risulta apprezzato e neppure gradito.

In alcuni casi i quadrupedi si riducono a masticare il muro quando vivono condizioni esistenziali estreme, che favoriscono un forte stato di denutrizione e inedia.

Animali che vivono al limite delle loro forze, magari per strada oppure in strutture non adeguate, senza poter accedere giornalmente al cibo e alle cure primarie.

Nel primo caso un cambio di dieta potrebbe risolvere il problema, meglio se con il supporto di un esperto che potrà stilare il menu più adatto al fabbisogno del quadrupede.

In presenza di abusi, malnutrizione e condizioni esistenziali al limite invece è necessario chiedere il supporto delle autorità così da portare il cane in salvo.

Problemi di salute

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Se il comportamento ossessivo non diminuisce potrebbe nascondere qualche problematica fisica, il cane potrebbe provare dolore oppure essere vittima di una gastrite, soffrire di difficoltà legate all’apparato digerente o ancora ai denti.

Masticare l’intonaco serve per alleviare momentaneamente il suo disagio, anche in questo caso è necessario chiedere supporto al medico di fiducia che potrà proporre una cura specifica dopo la visita e gli esami di routine.

Cucciolo e masticazione

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Il comportamento potrebbe rientrare nel percorso conoscitivo tipico dei cuccioli o delle nuove adozioni e che si sviluppa attraverso la masticazione: ecco perché il cane mangia il muro.

Una scelta messa in atto per testare fisicamente materiali e sapori del tutto nuovi, per valutare ed esplorare superfici e ambienti ma anche per lenire il dolore provate durante la formazione dei denti.

Una masticazione tipica che è bene correggere sin dall’inzio per evitare che si trasformi in un comportamento distruttivo, sia per il benessere di mobili e supporti che per quella del quadrupede. Potrebbe ingerire inavvertitamente sostanze, elementi o prodotti dannosi per la salute.

Durante questo percorso di crescita è giusto monitorarne gli spostamenti casalinghi intervenendo se necessario, offrendo un’alternativa come un osso di gomma, meglio se spalmato con del cibo umido. Oppure una corda per cani da utilizzare insieme per giocare e divertirsi.

Passeggiate e socializzazione

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Come già illustrato l’amico mette in campo un comportamento stereotipato per dichiarare tutto il suo disagio psicologico e fisico, che sia noia, stress, paura, ansia da separazione e molto altro, ecco perché il cane mastica il muro.

L’evidente accumulo di stress va affrontato nel modo giusto con l’ausilio di attrezzi specifici, giochi e con il supporto degli esperti di settore.

A partire dal tempo che si può dedicare al quadrupede, spesso poche ore condivise possono bastare se di qualità e di intensità elevata.

Se l’assenza lavorativa impedisce di trascorrere la giornata in compagnia dell’amico di affezione è bene concentrarsi sulle ore che si passano in casa, iniziando con passeggiate più lunghe e maggiormente intriganti.

Percorsi nuovi da affrontare con il cane offrendogli la possibilità di scoprire luoghi e odori differenti così da arricchire il suo bagaglio olfattivo ed emotivo.

Anche la passeggiata consueta può riservare novità come l’incontro con nuovi amici a quattro zampe con cui correre e socializzare, un esempio classico è l’area cani dove i quadrupedi giocano e interagiscono.

Oppure una gita fuori porta in una bella area verde dove lasciarlo libero di correre a perdifiato, rotolandosi nell’erba e rincorrendo palline o bastoni.

Agility e stimolazione mentale

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Frequentare con il cane un corso di agility, di obedience o di salvataggio potrebbe aiutarlo a gestire i suoi timori e le sue ansie. Un appuntamento utile per interiorizzare regole e attività benefiche per il fisico che per la mente.

Una soluzione valida per tutte quelle razze predisposte per l’attività e il movimento, corsi che possono stimolare le loro capacità innate sfogando al contempo stress ed energia in esubero.

Se i costi risultano proibitivi si può trasportare il tutto all’interno delle mura di casa fornendogli giochi e attività ludiche stimolanti.

Una distrazione benefica per l’amico a partire dal semplice kong dove nascondere crocchette e bocconcini, passando per i classici giochi di attivazione mentale, seguiti dal riporto di oggetti fino alle corse con salti all’interno della casa.

Con sedie e poltrone si può realizzare un mini percorso casalingo ad ostacoli che il cane potrà superare al fianco dell’amico umano, così da guidarlo coordinando i movimenti senza che si faccia male.

Utilissimi i comandi e il rinforzo positivo per interiorizzare correttamente regole, giochi e parole chiave.

Nuova dieta e abitudini

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Il cane potrebbe mangiare sul muro di casa per evidenziare un disagio ma anche per esprimere la sua opinione nei confronti dei pasti quotidiani che gli vengono offerti. Una combinazione che potrebbe risultare non adeguatamente bilanciati per il suo fabbisogno.

Il veterinario potrà scendere in campo in supporto del cane suggerendo una serie di varianti alimentari e stilando al contempo un regime alimentare in linea con Fido. Sempre dopo aver valutato la sua salute attraverso visite ed esami clinici.

Punizioni e fai da te

Il cane mangia il muro: tutti i possibili motivi

Il cane non è solito indispettire l’amico umano oppure sviluppare un sentimento di odio nei confronti degli arredi, la sua è più una richiesta di attenzione e la dichiarazione di un disagio: ecco perché mangia il muro.

La comunicazione non verbale è la base del linguaggio canino che dialoga attraverso il suo corpo, il proprietario dovrà cercare di intercettare la causa che ha portato a questa situazione così da porvi rimedio.

Come anticipato è necessario chiedere supporto agli esperti di settore a partire dal veterinario evitando il fai da te che potrebbe rivelarsi dannoso, e ancora di più le punizioni che il cane non capirebbe subendole negativamente.

Meglio aiutarlo con regole e attività alternative che possano distrarlo, impiegando prodotti specifici utili a dissuadere Fido dal masticare il muro.

Meglio non spalmare la superficie con intrugli casalinghi creati con spezie, insetticidi, prodotti chimici o repellenti non specifici per il cane. Combinazioni che potrebbero favorire reazioni allergiche oppure intossicazioni anche gravi.