Tresaderm per cani: cos’è e come funziona questo medicinale

Il Tresaderm per cani è un farmaco che si usa per curare le otiti di Fido. Ecco cosa sapere e come si usa (sotto il controllo del veterinario)

I nostri adorati amici a quattro zampe sono soggetti a tanti problemi, tra cui le infezioni del canale auricolare e vari disturbi della pelle, che richiedono cure specifiche e una particolare attenzione da parte del veterinario.

Si tratta di problemi come le otiti, tanto per fare un esempio, cose assolutamente normali e frequenti ma che hanno bisogno di cure immediate e di un trattamento con farmaci che consentano al cane di guarire, oltre che di evitare che la situazione peggiori.

Il Tresaderm per cani è un farmaco utile proprio a questo scopo, ottimo per curare alcune affezioni a carico di orecchie e pelle provocate da funghi e batteri. Si usa solo ed esclusivamente sotto la prescrizione del veterinario, ma scopriamo di più.

A cosa serve

pinscher in balcone

Come anticipato, il Tresaderm per cani è un farmaco che si usa in caso di alcuni problemi della pelle e delle orecchie. In particolar modo è indicato nel trattamento di otiti esterne provocate da batteri, funghi o parassiti. Il veterinario lo può prescrivere per i cani ma anche per i gatti, seguendo naturalmente dosi e posologie diverse.

Per quanto riguarda le dermatosi, Tresaderm è indicato soprattutto per quelle di origine batterica (Staphylococcus aureus, Proteus vulgaris e Pseudomonasaeruginosa). Ma non sottovalutiamo il fatto che spesso questo tipo di infiammazioni sono a loro volta una complicanza di altre forme infettive per azione di parassiti o funghi.

Il Tresaderm contiene al suo interno tre diversi principi attivi, ognuno dei quali con un’azione specifica. La neomicina è un antibiotico ad ampio spettro, quindi efficace sui batteri sia Gram-negativi che Gram-positivi. Poi c’è il tiabendazolo, un composto sintetico noto per la sua potente azione fungicida e antiparassitaria. Infine il Tresaderm contiene desametasone, un farmaco corticosteroide dall’azione antinfiammatoria usato da moltissimo tempo nella medicina umana.

Dosi e posologia

cane avvolto in una coperta rossa

Il Tresaderm per cani si acquista solo ed esclusivamente con la ricetta del medico veterinario e si trova in flaconi da 15 ml. Ogni flacone contiene la soluzione con i tre principi attivi che abbiamo descritto prima ed è anche molto facile da usare, perché dotato di un contagocce.

Come vi spiegherà il veterinario, prima di applicare le gocce in caso di otite dobbiamo controllare che l’orecchio di Fido sia integro. Non devono esserci lesioni interne né crosticine, eventualmente da asportare prima dell’applicazione. Stessa cosa vale per l’eventuale presenza di cerume o di corpi estranei nell’orecchio del cane, che vanno assolutamente rimossi.

In caso di otite la dose di farmaco consigliata è dalle 5 alle 15 gocce per ogni orecchio, da applicare per 2 o 3 volte al giorno. Per le forme cutanee, invece, è necessario cospargere la lesione della pelle con 1 o 2 gocce per 2 volte al giorno. Naturalmente queste sono le indicazioni riportate nel foglietto illustrativo, ma dovete sempre e solo affidarvi alla prescrizione del veterinario.

La durata del trattamento non è standard e di volta in volta sarà il veterinario a valutare per quanti giorni sia il caso di procedere con l’applicazione. Per evitare danni, però, non dovremmo mai superare i 7 giorni.

Avvertenze

collare elisabettiano per cani

Come ogni farmaco che si rispetti, anche il Tresaderm per cani ha delle avvertenze a cui dobbiamo prestare attenzione. Coi farmaci c’è poco da scherzare e non dobbiamo mai dimenticare che sbagliare applicazione o quantità possono mettere a rischio la salute di Fido, anziché aiutarlo a guarire.

In particolare quando il Tresaderm viene usato per le infezioni della pelle dei cani può capitare che dia reazioni impreviste, come irritazioni cutanee. Perciò è importante non superare mai le dosi consigliate né la durata del trattamento. Un uso prolungato del farmaco può dare origine a casi di ipersensibilità, quindi il cane anziché reagire bene all’azione dei principi attivi ne diventa come allergico.

Sono stati studiati casi in cui l’applicazione del farmaco ha dato origine a eritemi sulla pelle del cane, o anche lieve dolore nel caso in cui è stato usato su pelli sensibili o con presenza di ragadi. Tutti sintomi passeggeri, per fortuna, che generalmente passano da sé entro massimo due giorni. Va da sé che in questi casi e se i sintomi non dovessero scomparire, dobbiamo immediatamente avvertire il veterinario e interrompere il trattamento.

Come mettere le gocce auricolari al cane

cane con il muso buffo

Ora che abbiamo capito cos’è il Tresaderm per cani e a cosa serve, non resta che passare all’altro argomento clou: come applichiamo il farmaco? Per fortuna la confezione è già progettata per facilitarci il lavoro, ma come sempre ci sono delle cose a cui dobbiamo badare prima di procedere.

Per prima cosa dobbiamo assicurarci che il farmaco sia a temperatura ambiente, perché mettere delle gocce troppo fredde nell’orecchio del cane potrebbe provocargli molto fastidio. Non dimentichiamo che il povero Fido ha bisogno del Tresaderm perché probabilmente ha un’otite, cosa che gli provoca già molto dolore.

L’ideale in genere è far distendere il cane su un fianco, specialmente se non è abituato all’applicazione delle gocce auricolari. In alternativa, qualora dovesse essere abbastanza tranquillo, possiamo anche soltanto farlo sedere su una superficie rigida, come un tavolo (nel caso di un cane di taglia piccola) o il pavimento (cani di taglia grande). La cosa importante è essere rapidi, fare movimenti decisi ma al contempo delicati e non farlo innervosire.

Dopo aver applicato le gocce tenendo l’orecchio ben aperto con una mano, assicuriamoci che non fuoriescano. In questo modo si perderebbe tutta l’efficacia del farmaco e dovremmo ripetere l’operazione, facendo ulteriormente agitare Fido. Ovviamente dobbiamo rispettare sempre le dosi prescritte dal veterinario, senza fare di testa nostra pena effetti collaterali che possono causare ulteriori problemi al cane.

Anche un’operazione semplice come mettere le gocce auricolari al cane può trasformarsi in un vero incubo ma non disperatevi. Fido è un animale intelligente e capisce quando vogliamo fare qualcosa per prenderci cura di lui e fargli passare la bua. Dobbiamo solo avere pazienza, accettare e seguire i consigli del veterinario e procedere sempre con tranquillità e calma.

Ultima cosa importantissima: non utilizziamo mai e poi mai le gocce auricolari umane, perché di fatto non fanno guarire Fido dalla sua infezione. I farmaci per cani e quelli per uso umano sono diversi e non sono intercambiabili!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati