Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Il tumore alla pelle dei cani è tra le malattie cutanee più comuni. Vediamo quali sono le varie tipologie e come intervenire

cane bianco con tumore alla pelle

Il tumore alla pelle dei cani può essere cutaneo, se interessa propriamente l’epidermide o il derma; oppure sottocutaneo, se compare sotto pelle. Si presenta con un gonfiore evidente, solido e ben definito.

Una neoplasia, invece, provoca un’eccessiva crescita di tessuto che non è in linea con quella dei tessuti del resto del corpo. Casi del genere devono insospettirci e far chiedere un consulto specialistico.

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Qui di seguito analizziamo le diverse tipologie, i fattori di rischio, i sintomi e le possibili cure; così da garantire al nostro amato amico a quattro zampe una vita il più possibile lunga e felice.

Tipologie di tumore alla pelle dei cani

Un tumore maligno si sviluppa rapidamente, e può spostarsi in diverse parti del corpo attraverso le metastasi. Danneggia quindi altri organi e, nei casi più gravi, può provocare la morte. A tal proposito potrebbe essere utile conoscere anche il tumore alla mammella, per esempio.

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Un tumore alla pelle dei cani benigno, invece, può essere molto fastidioso, ma le conseguenze non sono serie. Esistono diversi tipi di tumori e di neoplasie cutanee, vediamo le più comuni:

  • Linfoma;
  • Lipoma;
  • Melanoma;
  • Papilloma;
  • Adenoma perianale (in questo caso è bene tenere sott’occhio le ghiandole perianali del cane)
  • Emangioma;
  • Emangiosarcoma;
  • Tumore delle cellule basali;
  • Tumore della ghiandola apocrina della sacca anale;
  • Tumore venereo trasmissibile.

Qui, ovviamente, l’intervento tempestivo del veterinario è indispensabile per salvare la vita al nostro Fido. Sarà lui a stabilire se procedere con un’operazione o con terapie specifiche che analizzeremo più avanti.

Cause e fattori di rischio

Le cause possono essere tante. Il tumore alla pelle dei cani può essere provocato da infezioni, cancro o semplicemente dall’accumulo e dalla compattazione di massa grassa sottopelle.

Anche i fattori ambientali possono avere un ruolo importante nello sviluppo dei tumori, ma i fattori genetici hanno un ruolo determinante. Ecco allora che determinate razze sono maggiormente predisposte allo sviluppo di tumori cutanei e neoplasie.

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Fra queste troviamo il boxer, il bassotto, il bullmastiff, il golden retriever, il kerrie blue e lo scottish terrier, il weimaraner e il norsk elkhund grigio.

Possibili sintomi

I sintomi cambiano a seconda della tipologia di tumore della pelle dei cani, ma in generale si possono notare delle masse di tessuto evidenti, come bozzi riscontrabili al tatto o a occhio nudo.

I sintomi principali sono i seguenti:

  • Noduli tondi o con una forma simile a quella di un cavolfiore;
  • Noduli o prominenze sanguinanti o ulcerate;
  • Bozzi ricoperti da pelle squamosa, o su pelle nuda;
  • Massa peduncolata sulla pelle (come se avesse un gambo).

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Se si notano uno o più di questi segnali il modo migliore di affrontare la situazione è quello di portare il nostro caro quadrupede dallo specialista, che procederà con esami specifici e l’eventuale diagnosi.

Diagnosi del tumore alla pelle dei cani

La prima cosa che si fa è esame citologico e uno studio istopatologico di un campione del tumore. Questo può essere prelevato mediante aspirazione con un ago fino (con una siringa e facendo pressione con un vetrino) o tramite biopsia.

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Le analisi in laboratorio sono indispensabili per avere la conferma o meno della presenza di un tumore alla pelle dei cani. Anche se il veterinario è molto preparato e di grande esperienza, deve essere sicuro del tipo di diagnosi fatta e della conseguente cura da prescrivere: solo il risultato di determinati esami può dare certezza assoluta in tal senso.

La cura

La cura dipende dal tipo di tumore alla pelle dei cani, e può stabilirla solo lo specialista. Vediamo cosa fare in caso di tumore benigno e maligno:

  • I tumori benigni, in generale, non hanno bisogno di essere curati, perché senza conseguenze. Se sono fastidiosi e presentano dei rischi, vengono asportati attraverso un intervento chirurgico.
  • I tumori maligni, invece, devono essere rimossi necessariamente. Si ricorre all’intervento chirurgico; ma la radioterapia, la crioterapia e la chemioterapia possono essere usate come possibili alternative o come terapie di supporto.

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

La prognosi è variabile, ma la maggior parte dei tumori alla pelle, se presa in tempo, può guarire. Ovviamente, se si tratta di un tumore maligno allo stadio avanzato, la prognosi è meno positiva; ma se viene diagnosticato in tempo le probabilità di guarigione restano comunque alte.

La prevenzione

Non esiste una prevenzione del tumore alla pelle dei cani; tuttavia, se si ha un cane con il pelo bianco (completamente o in parte) o un cane senza pelo, le ore di esposizione al sole devono essere ridotte e si devono evitare quelle più calde della giornata (attorno a mezzogiorno).

Una buona alimentazione e una quantità di esercizio adeguata contribuiranno a mantenere Fido in salute, fattore molto importante per la prevenzione dei tumori. Ecco allora che diventa indispensabile evitare i cibi proibiti per i cani.

Tumore alla pelle dei cani: cosa sapere

Controlli periodici dal veterinario sono il modo migliore per avere una diagnosi tempestiva, indispensabile affinché la cura abbia esiti positivi e questo rimanga solo un brutto ricordo sia per il nostro amico che per noi.

Prodotti Consigliati dal nostro Team: