Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Un cane di 20 anni è un vero Highlander e ha bisogno di cure e attenzioni specifiche per rendere il tempo che gli resta piacevole e felice

cane anziano che dorme

Un cane di 20 anni è un vero Highlander, una rarità nel mondo canino in cui in genere i cani raggiungono un’età media di 13 anni.

Prendersi cura di un cane è sempre una grande responsabilità ma lo è ancor di più con un amico a quattro zampe che ha vissuto tante lune.

Quando Fido raggiunge un’età del genere è come se tornasse indietro nel tempo con tutte le esigenze tipiche di un cucciolo.

Vivere con un cane anziano è un’esperienza unica, si una tenerezza che lascia davvero senza parole.

E con l’avanzare dell’età arrivano anche dei problemi e dei cambiamenti nel comportamento del nostro amico a quattro zampe a cui dobbiamo assolutamente prestare attenzione.

È nostra responsabilità prenderci cura del cane di 20 anni nel migliore dei modi, rispettando le sue esigenze e cercando soprattutto di rendere gli ultimi momenti della sua vita felici e memorabili.

Cane di 20 anni: l’alimentazione più adatta

Come diciamo sempre “la salute vien mangiando” e specialmente per un cane di 20 anni è importante gestire l’alimentazione nel modo più appropriato.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

L’alimentazione del cane deve tenere conto di diversi fattori, sia dell’età che dello stato di salute del nostro amico a quattro zampe.

Spesso influisce anche la razza stessa del cane che può avere esigenze particolari e specifiche da attribuire al suo pool genetico.

Nel caso di un cane tanto anziano non possiamo che tenere conto della sua età. Non può di certo mangiare come quando era giovanotto!

Per essere sicuri di compiere le scelte giuste rivolgiamoci sempre al veterinario che nel caso di un cane di 20 anni deve fare visite più frequenti rispetto a un cane più giovane.

In questo modo possiamo monitorare le sue condizioni di salute e avere sempre un quadro clinico aggiornato che ci consenta di scegliere l’alimentazione più giusta.

Innanzi tutto un cane di 20 anni non deve mangiare troppo e deve sempre mantenere il giusto peso-forma.

L’aumento di peso può nuocere alla sua salute, soprattutto perché è di per sé un cane con un metabolismo più lento e con un’ossatura più fragile.

Se il cane pesa troppo caricherà le sue ossa in maniera eccessiva, rischiando di peggiorare la situazione soprattutto nel caso in cui soffra già di reumatismi, artrite e altri problemi simili.

Dobbiamo fare attenzione anche a non fargli mangiare cibi troppo duri e difficili da masticare perché a quest’età i denti del cane possono avere diversi problemi e non è raro che possano spezzarsi o rompersi.

Evitiamo perciò di dargli le ossa, come si fa in genere con i cani più giovani, preferendo snack più morbidi e facili da sgranocchiare.

Problemi di salute di un cane anziano

Non è raro che un cane di 20 anni e in generale qualsiasi cane anziano (che abbia cioè superato i 10 anni di età) abbia problemi di digestione e che rigetti il cibo che gli mettiamo nella ciotola.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Altre volte può capitare che sia inappetente, come conseguenza di particolari disturbi o problemi di salute.

Ecco che in questi casi è ancora maggiore la necessità di ricorrere al veterinario e di modificare la sua alimentazione in modo da trovare la soluzione giusta per farlo mangiare e dargli le energie di cui ha bisogno.

Quando il cane raggiunge una certa età il suo metabolismo cambia e di conseguenza il suo fabbisogno energetico non è più quello di un tempo.

Un problema di salute comune in questi cani è la cosiddetta polidipsia che si manifesta quando il cane bene troppa acqua nell’arco della giornata, sintomo spesso di malattie del tratto urinario.

Il cane di 20 anni può essere costipato e quindi può avere difficoltà a espellere le feci, rischiando così un blocco intestinale.

Questo problema è causato non solo dal malfunzionamento del suo apparato gastrointestinale ma dal fatto che compie poco movimento e vive una vita per lo più sedentaria.

Anche i muscoli del cane invecchiano così come le sue ossa, che diventano poco consistenti e fragili. Specialmente in presenza di osteoporosi rischiamo che le ossa si frantumino anche con un semplice urto.

Il cane anziano che raggiunge un’età così sorprendentemente avanzata ha anche un sistema immunitario più debole e quindi non ha le difese necessarie per proteggersi anche dalle malattie e infezioni più comuni.

Basta scorrere questo piccolo elenco di malattie e disturbi per capire quanto sia importante che il cane di 20 anni faccia regolari visite dal veterinario.

Ma soprattutto quanto impegno e responsabilità dobbiamo mettere nelle cure che gli forniamo, cercando di preservarlo il più efficacemente possibile.

Cane di 20 anni e attività fisica

Un cane di 20 anni naturalmente non può muoversi come un cane più giovane, prima di tutto perché può avere problemi legati proprio ai muscoli e alle ossa e poi perché cambia anche la sua voglia di fare movimento.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Del resto si tratta di un cane che non si sente in forze, debole e poco resistente e non possiamo di certo imporgli attività troppo faticose.

Non dobbiamo sforzare il suo sistema respiratorio né tanto meno quello cardiocircolatorio ma ha comunque bisogno di fare un minimo di movimento.

Quanto basta, insomma, per consentirgli di svolgere le sue attività preferite: passeggiare all’aria aperta e socializzare con i suoi simili.

Naturalmente un cane di 20 anni tende a perdere questi stimoli e a maggior ragione dobbiamo essere noi a cercare di ravvivare in lui il desiderio di uscire da casa.

La cosa fondamentale è che la durata di ogni passeggiata sia minima, che non si svolga mai troppo di fretta e che il cane resti sempre tranquillo e non si agiti.

Inoltre dobbiamo sempre preferire luoghi non troppo affollati o rumorosi e cercare di uscire nelle ore meno calde, se siamo in estate.

In inverno dobbiamo prestare la medesima attenzione perché un cane di 20 anni può facilmente prendere un brutto raffreddore, una polmonite e diverse infezioni virali.

Mai farlo uscire sotto la pioggia o quando nevica e, se fa freddo, cerchiamo di coprirlo con indumenti caldi adatti ai cani.

Conclusioni

Un cane di 20 anni è proprio come una persona anziana che lentamente regredisce quasi tornando un po’ bambino.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Ha tanti problemi di salute e sicuramente non è più forte come un tempo quindi occorre monitorare costantemente la sua salute con tutte le visite veterinarie del caso.

Quando il cane è anziano cambiano le sue abitudini ma soprattutto cambiano il carattere e il temperamento.

E se c’è una costante comune ai cani che raggiungono una certa età è che diventano molto più coccoloni e hanno bisogno di affetto.

Anche il cane che in giovinezza è stato meno espansivo da anziano sarà molto più affettuoso e propenso alle coccole, cercherà le attenzioni della famiglia specialmente nei momenti più duri.

Cerchiamo di stargli vicino, di dargli tutto il nostro amore e prendiamocene cura al meglio. Così potremo rendere i suoi ultimi momenti su questa Terra sereni e felici.