Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Un cane di 20 anni è un cane molto anziano, tanto che dire “molto anziano” non basta. Ecco tutti i dettagli a riguardo.

cane anziano

Un cane di 20 anni è un cane molto anziano, tanto che dire “molto anziano” non basta. Oltre a questo si deve ricordare che non sempre i cani hanno modo di vivere fino a questa soglia di età. Si pensi che in media, l’età massima di un cane può arrivare fino a 13 anni, ma non sempre è così. Dato che si tratta di un esemplare anziano, avrà bisogno di cure e attenzioni particolari.

Questo non vuol dire che tale cane andrà trattato in un modo molto diverso da un cane adulto, ma solo che le attenzioni verso di lui dovranno essere maggiori. Per fare un esempio, tutti i cani devono essere trattati in modo rispettoso, essere curati con affetto e farli sentire a loro agio e a casa. Per i cani di questa età, tali attenzioni dovranno essere raddoppiate.

Le attenzioni

Un cane di 20 anni ha senza dubbio bisogno di attenzioni maggiori rispetto a quelle che vengono di solito rivolte ad un cane di età minore. Questo non tanto perché quest’ultimo ne meriti di meno, ma solo perché, dato che il primo è un esemplare anziano, avrà bisogno di più aiuto.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Di solito quando i cani sono così anziani, sono anche molto irritabili o hanno bisogno di molto riposo. Nel primo caso, è necessario capire come gestire irritabilità del cane anziano. Prima di tutto è bene cercare di sottolineare che un cane di una certa età può essere più irritabile di cani più giovani, a causa di svariati motivi. Magari non riesce a muoversi agilmente a causa di qualche problema, oppure è più nervoso perché ha qualche disturbo di salute o malattia.

Per fare un esempio, a renderlo nervoso potrebbe essere anche una malattia infiammatoria intestinale del cane, che è molto frequente nei cani anziani. Insomma, in generale le cause possono essere diverse. Per gestire la situazione si può innanzitutto riempire di affetto il cane, in modo da farlo stare sereno.

Oltre a questo, cercare di evitare di stressarlo magari chiedendogli in continuazione di sforzarsi. Ad esempio, se si vuole giocare con lui ma lo si sottopone a degli sforzi fisici non adeguati, allora è normale che poi sia nervoso. Se si vuole giocare con lui, magari meglio includere dei giochi formativi per il cane, ovvero giochi che lo aiutano a tenere la mente allenata, ma che non lo fanno sforzare troppo.

Altri consigli

A volte l’irritabilità del cane può essere anche combattuta utilizzando la giusta alimentazione. Ci sono infatti dei cibi che potrebbero infastidire lo stomaco del cane anziano, rendendolo ancora più nervoso. Meglio quindi chiedere al veterinario quali cibi possono mantenere equilibrata la sua dieta.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Questo però non significa che tutti i cani di 20 anni siano irritabili, anzi. Spesso hanno solo bisogno di vivere con un ritmo più lento, proprio perché i loro muscoli hanno una certa età. È bene cercare di dare al cane tutto ciò di cui ha bisogno: calore se ha freddo, controllo regolari non solo per aiutarlo a seguire una dieta corretta.

Tali controlli infatti sono fondamentali perché aiutano a prevenire alcuni disturbi che il cane potrebbe vedere con l’avanzare dell’età. Per cercare di tenere lontani alcuni mali, è necessario quindi cercare di sottoporre il cane a diversi controlli medici.

Dettagli importanti

Non si deve poi dimenticare che anche se il cane che ha 20 anni è anziano, questo non significa che non debba uscire, anzi, meglio fargli fare spesso delle passeggiate, in modo che sarà gioioso. Tali passeggiate però devono essere assolutamente rilassanti e poco stancanti.

Cosa sapere sul tuo cane di 20 anni: esigenze, necessità e cure

Ovviamente infatti le passeggiate non devono farlo stancare troppo, ma semplicemente distrarlo e soprattutto farlo sentire sempre a proprio agio con il padrone. Insomma, come si è visto, si tratta di un cane che ha bisogno di tante cure e attenzioni.