Come curare le unghie del cucciolo di cane sin dalla nascita?

Anche le unghie del vostro cucciolo di cane, come tutto il resto del suo corpo, necessitano di cure adeguate. Ecco quali.

Quando un cucciolo di cane entra a far parte della nostra famiglia, sappiamo bene – o almeno dovremmo sapere bene – quali saranno i nostri compiti: è principalmente da noi che dipende il loro benessere fisico e mentale, essenziale per una crescita sana e serena.

Alcuni di questi compiti cambieranno, si esauriranno o si renderanno necessari man mano che il cucciolo andrà crescendo. La cura del suo pelo, ad esempio, richiederà interventi diversi in base alle caratteristiche che esso assumerà nel tempo.

Un discorso diverso va fatto invece per le unghie del cucciolo di cane: bisogna saperle tenere in ottima forma già dai suoi primi giorni di vita. Vediamo allora come farlo nel modo migliore.

Unghie del cane: proprietà e funzioni

cucciolo di cane tenuto in mano

Prima o poi arriverà il momento di tagliare le unghie del cucciolo di cane; e prima di farlo è il caso di sapere come siano fatte. Solo in questo modo, infatti, potrete limitare al massimo errori e imprevisti; e anche se vi ci vorrà un po’ di pratica per prendere confidenza con questa operazione, il piccolo Bau vi sarà grato per l’impegno.

Ogni cane è provvisto di un’unghia per ogni dito della zampa, situato sopra i polpastrelli e rivolto in avanti; in ogni zampa vi sono dunque 4 unghie. Proprio come le nostre, esse sono fatte di keratina; a differenza delle nostre, però, sono ovali, più larghe alla base e sempre più strette in punta. Possono essere chiare o scure, ma assumono spesso un colore simile a quello della zampa.

All’interno dell’unghia è situata la cosiddetta polpa, ossia un’area carnosa ricca di terminazioni nervose e vasi sanguigni. Si tratta ovviamente di una zona estremamente sensibile, che sanguinerà se viene lesionata. È più visibile nelle unghie chiare, poiché sono quasi trasparenti; se le unghie sono scure è invece più difficile da individuare.

Va detto inoltre che alcuni esemplari, oltre alle 4 unghie per zampa, ne hanno una in più detta sperone: questo nome è dato dalla sua posizione particolare, posteriore rispetto alle zampe. Se le unghie permettono al cane di avere una presa più salda sul terreno, lo sperone facilita ulteriormente questa operazione. Alcune razze presentano persino più di uno sperone: questa caratteristica è frequente in cani da pastore come quello di Brie, quello di Beauce e il Cane da montagna dei Pirenei.

Una questione di salute

cucciolo sdraiato su un lettino

Alcuni potrebbero essere tentati di pensare che non ci sia bisogno di intervenire sulle unghie di Fido, almeno quando è piccolo. Niente di più sbagliato: trascurare questa parte del suo corpo lo espone al rischio di sviluppare problemi di salute non da poco; e sono problemi che possono sorgere praticamente a qualunque età.

In linea di massima le unghie non dovrebbero essere abbastanza lunghe da toccare il suolo. Se ciò accade, esse spingeranno contro di esso, esercitando una pressione fastidiosa sul resto della zampa. Più l’unghia allunga, più le dita tendono ad allargarsi, deformando la zampa stessa; e più a lungo questa situazione si protrae, più dolorosa essa diventa per Fido.

La sua postura cambierà, perché non potrà poggiare bene le zampe per terra senza avvertire fastidio; tenderà a correre, giocare e ben presto anche camminare sempre meno. Il rischio di ferite e infezioni non potrà che aumentare a quel punto: non solo perché le dita allargate in modo innaturale diventano un ricettacolo di sporcizia; ma anche perché le unghie stesse, continuando ad allungare, si ripiegheranno sotto ai polpastrelli, lesionandoli.

Anche senza arrivare a questi livelli estremi, comunque, qualche problema può presentarsi già a ridosso della nascita: molti cagnolini, infatti, nascono già provvisti di unghiette piuttosto acuminate. Gli eventuali problemi di deambulazione possono essere relativi per un cucciolo così piccolo; quei minuscoli artigli, però, possono arrecare non poco fastidio alla sua mamma e ai suoi fratellini, soprattutto in fase di allattamento.

Un’operazione molto delicata

zampe di cane con unghie lunghe

È dunque chiaro, a questo punto, che tagliare le unghie del cucciolo di cane sia una vera e propria necessità; e come abbiamo visto, potreste doverlo fare già pochi giorni dopo la sua nascita. Ma come fare per evitargli traumi e fastidio? Lo scopo è fondamentalmente quello di tagliare oltre la polpa, concentrandovi solo sulla punta affilata dell’unghia. Questo vale a maggior ragione se Bau è ancora davvero piccolo: nel suo caso limitatevi semplicemente a spuntarle.

Per quanto riguarda gli strumenti da utilizzare, c’è chi trova particolarmente pratici i tagliaunghie per uso umano. Per questioni di igiene, e poiché le unghie di un cucciolo hanno una conformazione diversa, suggeriamo però delle forbici apposite, molto simili a tronchesi: oltre a essere disponibili in varie forme e dimensioni, vi permetteranno una presa più salda e quindi una maggior precisione.

È utile abituare fin da subito il vostro cucciolo ad aver toccate le dita e le zampe, proprio al fine di questa operazione: in questo modo la vivrà con meno disagio e sarà più rilassato. Dopo averlo coccolato e distratto con uno snack, distendetelo su un fianco e, se resta sufficientemente fermo, cominciate: praticate dei piccoli tagli superficiali, senza andare troppo a fondo. Questo vi permetterà di avere un maggior controllo e fermarvi in tempo prima di raggiungere la polpa.

Non è necessario andare di fretta, anzi è sconsigliatissimo: prendetevi – e concedetegli – tutto il tempo necessario, fermandovi di tanto in tanto per giocare con lui e premiarlo. Se preferite, potete anche dedicarvi a una sola zampa per sessione, e passare alle altre nei giorni successivi; quando entrambi avrete acquisito più familiarità con questo momento, potrete fare tutto in una volta.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati