Cucciolo di cane investito, come aiutarlo? Nozioni di primo soccorso e come muoversi

Cucciolo di cane investito, come aiutarlo: nozioni di primo soccorso, gli interventi possibili sul posto o come trasportarlo correttamente

cucciolo di cane investito come aiutarlo

Cucciolo di cane investito: come aiutarlo, ecco qualche informazione e suggerimento per intervenire tempestivamente in soccorso di un piccolo bisognoso di aiuto.

Chi si deve allertare, come muoversi accanto all’animale, quali manovre mettere in atto perché il piccolo sopravviva. Partendo dalla valutazione delle sue condizioni di salute, vediamo insieme come agire.

Cucciolo di cane investito come aiutarlo correttamente sin dal primo momento

Cucciolo di cane investito, come aiutarlo? Nozioni di primo soccorso e come muoversi

Che sia un randagio a piede libero o un amico di casa sfuggito per una disattenzione, un cucciolo di cane potrebbe finire investito sotto le ruote di un auto.

Un evento straziante ma reale spesso conseguenza diretta anche dell’alta velocità e, da parte del cane, dell’impossibilità di comprendere i tanti pericolo della strada.

Inoltre la piaga del randagismo è un fenomeno fortemente tangibile e che, in alcuni territorio, aumenta la possibilità di investire qualche povero animale indifeso.

Per questo è importante farsi trovare pronti sia nel caso di investimento diretto o di ritrovamento di un animale incidentato, così da scongiurare un triste esito nefasto.

Per legge vi è l’obbligo di soccorso stradale di un cane o di un cucciolo di cane investito, come aiutarlo correttamente è di vitale importanza per il suo benessere.

A partire dalla valutazione generale della situazione che va osservata nel dettaglio, seguita dalla dinamica dell’incidente e dalla velocità del mezzo di trasporto.

Si allertano immediatamente le figure preposte ovvero il veterinario competente quindi dell’Asl e i vigili, i carabinieri o la polizia locale, eventualmente il canile di zona.

Nell’attesa del loro arrivo si presta il primo soccorso al quadrupede avendo cura di non spaventarlo ulteriormente.

Un intervento tempestivo può rivelarsi importante per la sopravvivenza del cucciolo.

Non a caso l’incidenza di morte dopo un investimento è tristemente alta proprio a causa della mancanza di soccorsi e azioni al momento del fatto.

È importante comprendere quali scelte attuare, valutare se il cane è vigile o svenuto, se è trasportabile o meno, se si possono attuare manovre di soccorso oppure è meglio evitare. Scopriamolo insieme.

Se il cane si può traportare, come fare

Cucciolo di cane investito, come aiutarlo? Nozioni di primo soccorso e come muoversi

Che sia il proprio cucciolo di cane o un esemplare randagio, assistere al suo investimento è un evento doloroso e traumatico.

Intervenire subito potrebbe salvargli la vita in attesa dell’arrivo dei soccorsi, ad esempio verificando se l’amico è vigile, la potenza dell’impatto e la tipologia di ferite riportate.

Cercando di avvicinarlo con calma e con un atteggiamento rilassato, il cane sarà già traumatizzato e spaventato dall’impatto improvviso.

Potrebbe provare dolore, soffrire e per questo reagire in modo aggressivo, ma un comportamento sereno e una voce calma potrebbero migliorare l’atmosfera generale.

Bisogna valutare se il cane respira e c’è battito appoggiando la mano sul petto e stringendo la zampa sotto la zona ascellare per controllare le pulsazioni.

Se il cane è trasportabile è bene spostarlo sopra un asciugamano o sopra un cartone coprendolo con una coperta per diminuire la reazione termica allo shock.

Praticando un primo soccorso, mantenendo sempre un atteggiamento calmo e pacato e procedendo a disinfettare la parte e fasciandola per bene.

In questo modo si potranno tamponare o fermare eventuali emorragie, un panno stretto bene potrebbe anche bloccare momentaneamente fratture e arti esposti.

Ovviamente se il cagnolino è ferito ma molto agitato potrebbe cercare di mordere, per questo una museruola potrebbe preservare la salute di braccia e mani.

Anche un laccio per fermare il muso da fissare senza stringere eccessivamente per non procurare altre ferite all’animale.

Se trasportabile lo si può condurre dal veterinario più vicino così da dimezzare i tempi di intervento per il soccorso.

Situazione grave, cosa fare in attesa del veterinario

Cucciolo di cane investito, come aiutarlo? Nozioni di primo soccorso e come muoversi

È di vitale importanza sapere come agire per un cucciolo di cane investito, come aiutarlo tempestivamente. In particolare se l’impatto è stato molto forte e particolarmente violento.

Se il piccolo è privo di sensi bisogna appurare che sia vivo verificando il battito e il respiro, coprendolo con telo o un asciugamano.

Osservando delicatamente se sono presenti fratture con ossa esposte, evitando di muovere la spina dorsale che potrebbe aver subito una lesione anche grave.

Se l’animale non si può spostare è importante monitorarlo costantemente assicurandosi che respiri e il cuore batta, allertando l’intervento delle figure di riferimento.

Chiedendo supporto anche ad associazioni di zona e volontari che, se nei paraggi, possono accorrere velocemente in aiuto così da praticare eventuali manovre di soccorso.

Un ciucciolo privo di sensi ma con fratture gravi non si può maneggiare con troppa leggerezza, che sia il proprio o un cane randagio.

Ma sicuramente è fondamentale constatare che sia vivo valutando la presenza del battito e del respiro, anche appoggiando l’orecchio sul petto.

Praticando, se necessario, le manovre base di salvataggio come la rianimazione cardiaca e la respirazione artificiale.

Impedendo che si dissangui se ferito in modo grave, come già anticipato è bene disinfettare temporaneamente la parte anche con acqua o con un disinfettante se presente.

Quindi bloccando il sangue con un legaccio ben stretto o delle fasce sterili che potrebbero risultare fondamentali e molto utili anche per prevenire infezioni.

Le manovre salva-vita da effettuare

Cucciolo di cane investito, come aiutarlo? Nozioni di primo soccorso e come muoversi

Se il cucciolo non respira o non presenta battito cardiaco è importante intervenire per rianimarlo adeguatamente, effettuando immediatamente e con calma le manovre base e salva-vita.

La rianimazione avviene grazie a due azioni tempestive: la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco.

Nel primo caso si controlla che le vie aeree siano libere semplicemente osservando le narici.

Si apre quindi la bocca e si sposta in avanti la lingua per escludere la presenza di corpi estranei, quindi si pulisce con un panno gli eventuali residui di bava o liquidi.

Il cane è sdraiato sul fianco e si soffia per quattro volte nelle sue vie respiratorie, nel caso dei cuccioli si chiude il muso all’interno della propria bocca ma con delicatezza.

Se neppure il polso arterioso è presente, dopo aver effettuato una verifica del il battito stringendo con la mano la zona sotto l’ascella, si procede subito con la rianimazione cardiaca.

Appoggiando le mani sovrapposte con le dita incrociate in corrispondenza dell’area del cuore, ovvero la parte sotto all’ascella che termina nel torace dell’animale.

I gomiti non dovranno piegarsi durante la manovra ma rimanere molto tesi mentre, con le mani si praticano 15 compressioni ripetute, seguite subito da una respirazione.

Si riparte nuovamente con la manovra cardiaca con quindi con altre 15 compressioni e nuova respirazione, una procedura da riproporre per quattro volte in modo circolare.

A questo punto si effettua un nuovo controllo per verificare se è presente battito e se vi è la respirazione, in caso fossero assenti si ripete nuovamente la procedura.

Se invece il cane reagisce dovrebbe lentamente riprendersi. In ogni caso andrà monitorato fino all’arrivo del personale di soccorso e se possibile idratato con pochi sorsi di acqua.

Cosa dice la legge e il supporto dei social network

Cucciolo di cane investito, come aiutarlo? Nozioni di primo soccorso e come muoversi

In merito a un investimento la legge è molto chiara, il soccorso è obbligatorio e necessario per non incappare nel reato di omissione di soccorso ed eventuali multe.

L’animale va aiutato e se si è testimoni di un incidente con responsabile in fuga si deve segnare la targa del guidatore e comunicarla alle forze dell’ordine.

Come anticipato si contattano i veterinari di zona o dell’Asl, i vigili oppure il 122 e il 113, chiedendo supporto anche alle associazioni e ai volontari di zona.

Magari attivando un tam-tam via social network per verificare subito se il cane è stato smarrito da qualcuno.

Il codice penale prevede, invece, due norme precise da attuare a fronte di un investimento.

In particolare se il cucciolo muore per un investimento volontario quindi cagionato con ferocia e crudeltà, quindi con dolo: una condizione che porta alla reclusione da quattro mesi a due anni.

Se il fatto avviene incidentalmente senza volontarietà è prevista solo una multa, mentre il reato scatta se il cane è di proprietà, quindi è previsto un risarcimento per il proprietario stesso.

Si invece l’incidente è causato per una disattenzione o per una negligenza del proprietario sarà quest’ultimo a dover risarcire il conducente dell’auto.

Provvedendo a soccorrere il cane e l’autista stesso. Ovviamente questo potrebbe decadere se il cucciolo ha eluso i controlli liberandosi di colpo dal guinzaglio.

O ancora uscendo dal recinto grazie a una buca o fuggendo improvvisamente.

In questo caso si può invocare il caso fortuito, una situazione del tutto involontaria.

Intervenire è comunque importante in particolare se si è testimoni e se, come anticipato, l’investitore dovesse fuggire perché potrebbe incappare in una sanzione pecuniaria molto salata.

Con una somma dai 389,00 ai 1559,00 euro mentre in caso di crudeltà, come già spiegato, rischierebbe anche il penale.

Che comporterebbe una reclusione fino a 18 mesi e una multa pesante da 5000,00 a 30mila euro.

In questo caso l’investimento è considerato come reato di maltrattamento. Per questo prestare soccorso è importante come affiancare e tranquillizzare l’animale fino all’arrivo del personale.

Che sia un cucciolo di proprietà o un animale randagio non va lasciato da solo, mostrare empatia e comprensione è fondamentale in particolare perché il piccolo sta soffrendo.

Sicuramente sarà spaventato, spaesato e certamente terrorizzato da questa situazione drammatica, mentre il dolore patito potrebbe rivelarsi forte e insopportabile.