Cuccioli di Springer Spaniel: caratteristiche e cosa sapere su di loro

I cuccioli di Springer Spaniel sono degli adorabili cagnolini dal carattere buono e gentile. Ecco cosa sapere per curarli ed educarli al meglio

Sguardo dolce e intelligente, codina adorabile e due orecchie ricciolute: i cuccioli di Springer Spaniel sono semplicemente irresistibili, ma c’è molto di più da sapere su di loro per prendercene cura al meglio.

Lo Springer Spaniel è un cane davvero particolare, una delle razze di cani da caccia più antiche che esistano. Proviene dal Regno Unito e possiamo affermare a gran voce che sia il capostipite di tutti gli Spaniel.

Insomma, parliamo di una razza canina importante e prestigiosa, come del resto si evince dal nome altisonante e degno di un antico nobile!

Adottare dei cuccioli di Springer Spaniel non è per tutti e non perché si tratti di cani impegnativi o poco inclini all’addestramento.

Lo è, piuttosto, perché parliamo di cani che da una parte hanno un carattere molto buono e sempre cordiale ma dall’altra richiedono anche regolare esercizio fisico, perciò dobbiamo potergli concedere buona parte del nostro tempo!

Ma vediamo nel dettaglio cosa dobbiamo sapere prima di adottare dei cuccioli di Springer Spaniel e quali sono le loro esigenze e peculiarità.

Cuccioli di Springer Spaniel: degli adorabili concentrati di energia

cucciolo con lo sguardo dolce

I cuccioli di Springer Spaniel sono la scelta ovvia per chi voglia crescere dei cani dal carattere docile e tranquillo ma allo stesso tempo inclini al lavoro. In particolare la razza è indicata per la caccia e, del resto, è nata proprio per questo motivo!

Lo Springer Spaniel ha un temperamento molto equilibrato e proprio questa è la sua cifra vincente. Si adatta benissimo alla vita in famiglia ed è di per sé un cane molto educato e obbediente con il padroncino, verso il quale nutre un profondo rispetto.

Al contempo, però, si impegna moltissimo nelle attività in cui viene coinvolto ed è naturalmente predisposto alle attività di caccia, sia da cerca che da riporto e anche in acqua!

Quando adottiamo dei cuccioli di Springer Spaniel, dunque, ci prepariamo a crescere ed educare dei cagnolini molto buoni e che non danno alcun problema.

Ma naturalmente, come per tutti i cuccioli, vale sempre la stessa regola: devono essere ben socializzati e il processo educativo deve iniziare praticamente da subito.

Specialmente da piccoli gli Springer Spaniel sono carichi di energia e vitalità e non possiedono ancora quel “savoir faire” che li contraddistingue quando diventano adulti.

Se è vero che la genetica gioca un ruolo importantissimo nelle caratteristiche della razza, d’altra parte non dobbiamo mai dimenticare che la nostra capacità di addestrare ed educare gli esemplari così come l’ambiente in cui vivono sono tutte cose che influiscono sul loro sviluppo.

Addestrare i cuccioli di questa razza: cosa sapere

cuccioli di springer spaniel inglese

I cuccioli di Springer Spaniel sono dolcissimi e per loro indole si mostrano sin da subito molto affettuosi nei confronti del padroncino. Anzi, cercano continuamente il contatto con esso perciò più possiamo trascorrere del tempo con loro meglio è!

Educazione e addestramento vanno di pari passo e – cosa che vale per tutti i cuccioli – devono iniziare sin dai primi mesi di vita.

Per iniziare possiamo insegnargli i comandi di base utilizzando il metodo del rinforzo positivo. In sostanza i cuccioli si devono abituare a eseguire delle azioni ben precise e noi, per fargli capire di essere nel giusto, dobbiamo premiarli ogni volta che le eseguono bene.

In questo modo creiamo un’associazione positiva, appunto, per cui i piccoli sono invogliati a fare certe cose mentre eviteranno di farne altre, quelle sbagliate (per le quali non c’è nessun premio).

Gli Springer Spaniel sono cani intelligenti e obbedienti per natura, quindi non dovreste avere problemi in fase di addestramento. Agendo nel modo corretto possiamo insegnargli molte cose in poco tempo e allo stesso tempo acquistare la loro fiducia, fondamentale per qualsiasi padroncino ma soprattutto se abbiamo intenzione di utilizzare questi cani nelle attività di caccia.

Errori da evitare

Quando addestriamo i cuccioli è importante evitare uno degli errori più comuni: richiamarli a noi per sgridarli.

I cuccioli non sono stupidi e non dimentichiamo che per apprendere un comando hanno comunque bisogno del loro tempo.

Chiamarli a noi per sgridarli è solo controproducente! Ogni volta che sbagliano qualcosa al limite dobbiamo esser noi ad andare verso di loro ma, in ogni caso, non dobbiamo mai punirli e urlargli addosso.

Al massimo possiamo tenerli per un po’ legati al guinzaglio oppure chiusi nel kennel. Devono capire di aver fatto un errore ma non subire un trauma con la nostra voce!

Ricordiamo, inoltre, che le sessioni di addestramento non devono mai essere troppo lunghe perché i piccoli non devono averne noia ma sentirsi coinvolti in modo positivo.

Cuccioli di Springer Spaniel: salute e alimentazione

cagnolino che cammina sul prato

Lo Springer Spaniel è un cane di per sé forte e resistente, tanto da avere un’aspettativa di vita piuttosto alta (in media 12-14 anni).

Naturalmente i cuccioli sono ancora nella fase dello sviluppo perciò dobbiamo averne cura al meglio premurandoci di fornirgli tutto ciò che gli occorre per crescere sani e in salute.

Già da piccoli possiamo notare il mantello folto e compatto che li protegge dalle intemperie. Anzi è perfino idrorepellente quindi perfetto quando piove o devono muoversi in acqua!

Questa caratteristica, però, ci deve mettere in guardia dal caldo dell’estate. I piccoli (ma anche gli adulti) soffrono molto per le alte temperature e rischiano disidratazione e colpi di calore.

Per quanto riguarda la pappa, invece, i cuccioli di Springer Spaniel hanno bisogno di una dieta completa e bilanciata con pasti non troppo abbondanti (all’inizio tre al giorno, poi vanno bene anche due).

Gli esemplari di questa razza canina sono predisposti alla torsione dello stomaco e per questo non possiamo permettere che si abituino a ingozzarsi di cibo mangiandone non solo troppo ma troppo velocemente!

Cura e igiene di questi adorabili piccoli

cucciolo con le orecchie pendenti

Come tutti i cuccioli, anche quelli di razza Springer Spaniel devono abituarsi sin dai primi mesi alle operazioni di pulizia e toelettatura.

Che si tratti di cani a pelo corto oppure lungo, tutti i nostri amici a quattro zampe hanno bisogno di essere spazzolati e puliti per bene quindi dobbiamo sapere come farlo al meglio.

In particolare gli Springer Spaniel hanno un mantello di lunghezza media ma con il pelo spesso e piuttosto compatto. Può essere liscio oppure ondulato e con delle splendide frange più lunghe su zampe, orecchie e busto.

Anche se non assorbe acqua e umidità parliamo di un mantello che ha bisogno di cure costanti, soprattutto se i cani sono impegnati in attività all’aperto.

Ecco perché è importante che i cuccioli si abituino a spazzole, pettini e bagnetti. Così da adulti non avremo alcun problema a occuparci di loro!

Gli Springer Spaniel vanno spazzolati regolarmente, quando sono cuccioli bastano poche volte alla settimana ma da adulti dobbiamo farlo almeno una volta al giorno.

Del resto hanno un mantello molto “rustico”, un po’ arruffato e che tende, quindi, a formare nodi e grovigli.

Anche il bagno va fatto regolarmente specialmente nei periodi in cui il cane è impegnato nell’attività venatoria e quindi sta all’aria aperta tra terra, fango e vegetazione.

Ultima cosa importantissima, l’igiene delle orecchie. I cuccioli di Springer Spaniel hanno le orecchie larghe e pendenti perciò vanno pulite tutti i giorni.

Tutti i cani con le orecchie lunghe tendono a sviluppare otiti e altre infezioni perché questa particolare forma provoca un accumulo di polveri e detriti all’interno della cavità auricolare.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati